MATT AND KIM
Sidewalks

 
 
18 Febbraio 2011
 

Matt & Kim: il battito cardiaco in un synth. 35 minuti forsennati, al cardiopalma, marca hipster-newyorkese.

In “Sidewalks” come nei precedenti lavori del duo di Brooklyn non c’è spazio per cose come l’introspezione malinco-indie pop, Matt&Kim traducono il ritmo percuotendo batteria e tastiera come fossero una cosa sola. Poco più di mezz’ora sufficiente a sprigionare energia pura, in un album che lascia probabilmente meno spazio all’estetica minimalista delle loro precedenti composizioni, riconoscibile nell’adrenalinica Silver Tiles, non a caso recuperata dal cassetto del 2006. E’ gioia ‘synthetica’ quella di Johnson/Schifino che rincorrono l’estetica punk e questa volta si fanno rifare parzialmente il trucco da Ben Allen (già co-produttore di “Merriweather Post Pavillion” degli Animal Collective). L’intervento di Allen su “Sidewalks” è sottile e non altera il carattere della band seppure alleggerisce l’improvvisazione con incursioni in territori artificiali, cerca di aggiungere spessore e consistenza con strumentazioni più articolate che smussano gli angoli di Matt&Kim in stato di grazia come duo punk amatoriale.

Ma i due studenti dell’istituto d’arte che pare non avessero mai toccato uno strumento prima del 2004, danno il loro meglio proprio nell’improvvisazione e nel loro approccio impulsivo alla scrittura e all’esecuzione dei brani. Un inno alla creatività a-tecnica, da zero a mille nel giro un ritornello. L’essere ancorati a sonorità 80’s quasi obsolete li proietta immancabilmente nell’universo cool dal sapore leggermente retrò degli ascoltatori-dance-gaudenti. Overdose di up-tempo e testi che vestono perfettamente la ritmica come una t-shirt a righe su jeans sdruciti, senza rivelazioni mistiche o angosce esistenziali. Unica eccezione che ci consente di riprendere fiato è Northeast, ballata dall’intro slow-motion nella quale Johnson con la sua voce da adorabile improvvisatore per feste di compleanno rievoca immagini di una New York di tarda estate. E’ sicuramente “Where you’re Coming From” a candidarsi come hit naturale del disco ma in buona compagnia di brani come “Wires” e “Cameras” mentre il finale di “Good for Great” si trasforma in un canto liberatorio nell’ostinato ripetere we sing along but the notes are wrong, we sing along through night and down . Ma la migliore definizione della loro musica è proprio nel crescendo contagioso di Johnson cut and cross wires, electric fires, reset your clocks, and rewrite your thoughts, it’s burning down, let’s keep it up, flames they grow strong the louder the song.

Alzate il volume al massimo quindi, per 35 ottimi minuti perché –diciamocelo- loro hanno capito bene che “il troppo stroppia” e che le cose belle ad un certo punto finiscono. Sidewalks è una bella cosa e Matt&Kim saranno il virus buono nel vostro archivio musicale, un piccolo cavallo di troia al quale sarà difficile resistere. E poi, perché mai dovremmo?

Sidewalks
[ Fader – 2010 ]
Similar Artist: Sleigh Bells, Ra Ra Riot
Rating:
1. Block After Block

2. AM/FM Sound

3. Cameras

4. Red Paint

5. Where You’re Coming From

6. Good for Great

7. Northeast
8. Wires

9. Silver Tiles

10. Ice Melts

Ascolta “Cameras”

Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments