ARAB STRAP
As Days Get Dark

[ Rock Action - 2021 ]
7.5
 
Genere: Post Rock, Dark, Electronic
Tags:
 
19 Marzo 2021
 

“As Days Get Dark” arrivano gli Arab Strap.

Dall’oscurità più profonda, invero squarciata da qualche progetto parallelo venuto alla luce, riemergono gli Arab Strap, probabilmente attirati dal feticcio del dolore e della desolazione che caratterizzano la contemporaneità umana globale.
Aidan Moffat e Malcolm Middleton risorgono dopo 16 anni sotto l’effige griffata Arab Strap presentando un lavoro coeso, impastato nell’oscurità e nel dolore con tanta rabbia e lucidità.

“As Days Get Dark” è un disco che sprigiona una forza evidente ed una certa vibrazione che attraversa tutto l’album e che s’innesta nell’ascoltatore come un brivido lungo la colonna vertebrale.
Il cantato-parlato tipico dello spoken-word di Moffat scorre sopra un tappeto denso e ridondante. Le parole tagliano e si infilzano nelle orecchie dell’ascoltatore spingendo forte fino alla corteccia cerebrale visioni desolate, crude e disincantate. Il disegno che si staglia è quello di una vita fragile sull’orlo del baratro consapevole della propria condizione precaria e priva di significato.
La fucina del sound produce un manto basso e pesante con delle nervature free jazz, delle increspature new wave e delle aperture disco dance.

L’opening track “The Turning of Your Bones” si presenta in medias res e proietta il fruitore dell’opera nel mood esatto che la caratterizza e che essa stessa riproduce: lucida angoscia. Un giro di chitarra che a me ricorda i System Of A Down.
L’amore diventa carnale e disincantato nella splendida “Bluebird”, che segue una variegata e convincente “Compersion, Pt. 1” che non prevede al momento una seconda parte. In questi due brani la voce narrante si avvicina a quella di un Bill Callahan cattivo e purulento.

Il disco di Moffat e Middleton è proprio un bel disco. L’unico problema a mio avviso è che il genere degli Arab Strap è un genere sperimentale e di rottura degli schemi, dove i suoni e le soluzioni compositive devono sempre sorprendere e interessare l’ascoltatore. In questo progetto lo schema innovatore c’è, ma è come se la materia prima usata fosse antiquata, come se gli strumenti del lavoro fossero ormai obsoleti. Il disco suona come un disco sperimentale fuoriuscito dal passato. Fosse un disco del 2006 sarebbe un vero capolavoro.
Attualissimi ed eterni invece i testi di Moffat che impattano benissimo nelle orecchie di un essere umano vivente nel 2021.

Gli Arab Strap sono tornati e questa è già una buona notizia, il disco è un ottimo disco, e questa è una ulteriore buona notizia.

Il duo scozzese è ancora vivo e vegeto e ognuno di noi ha 11 nuove tracce da metabolizzare profondamente e da godere finché dura.

Tracklist
1. The Turning Of Our Bones
2. Another Clockwork Day
3. Compersion, Pt. 1
4. Bluebird
5. Kebabylon
6. Tears On Tour
7. Here Comes Comus!
8. Fable Of The Urban Fox
9. I Was Once A Weak Man
10. Sleeper
11. Just Enough
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Haunted Youth – Dawn Of ...

È arrivato il momento del debutto sulla lunga distanza per gli Haunted Youth, una band belga di belle speranze capeggiata dal ventinovenne ...

Luke Haines & Peter Buck ...

Dopo un primo album nato dal frutto di una collaborazione tanto casuale quanto intrigante, Luke Haines e Peter Buck hanno di nuovo voluto ...

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Recent Comments