SQUID
Bright Green Field

[ Warp - 2021 ]
8.5
 
Genere: Post-punk, art-punk, experimental punk
Tags: ,
 
di
10 Maggio 2021
 

Come sono stati bravi gli Squid a creare un’aspettativa con l’attesa.

Perché della band di Brigthon se ne parla un gran bene fin dagli esordi, collocati in quella leva post-punk albionica più alternativa e che vuole ad ogni modo uscire dal seminato, insieme a coevi come black midi e (gli amici) Black Country, New Road.
Così dopo vari singoli ed EP arrivò anche il loro esordio con questo “Bright Green Field”: aspettative non deluse, attesa ripagata.

Ollie Judge (voce principale e batteria) e sodali sanno maneggiare il post-punk più storicamente consolidato, vanno a flirtare con la new wave più ricercata tra Talking Heads e Devo, si lanciano in incursioni nel krautpop come nel rumorismo, senza però mai perdere il controllo del mezzo, a prescindere dalla velocità di crociera e da quanto volutamente sconnesso possa farsi il terreno sotto di loro. Zeppano in cubature labirintiche, sbattono ammattiti sulle pareti per poi come perdersi nei loro caotici intrecci, ed un attimo dopo eccoli alle prese con distopiche derapate off road , in metamorfosi di scenari ed attitudini subitanee e spiazzanti.

Nel calderone ci sono tanti impulsi, tante ispirazioni, chissà quanti ascolti, ma il tutto è rivisto con personalità, talento, tutto l’istinto che c’è, innegabile gusto avanguardistico. Cambi di passo, di giri, di ambientazioni sonore, stilistiche, d’approccio alla materia non spaventano, anzi esaltano le singole doti e i colpi dei componenti.
Momenti deboli, davvero pochi, forse nessuno; leve di forza, a bizzeffe: la lunga ed iridescente “Narrator” (e c’è la brava Marta Skye Murphy che sultaneggia nei cori), l’altrettanto avventurosa e falotica “Boy Racers” subito a seguire, o ancora si possono menzionare la carambola impazzita di “Peel St.” come la chiusura affidata a “Pamphlets” che dapprima incalza, poi si espande lavica come a cercare di forzare qualsiasi perimetro attorno a sé.

Il suono è spesso curato ben più di quanto fosse lecito immaginarsi (d’altronde c’è Dan Carey nella stanza dei bottoni, mica il fuffi), la resa è eccellente, la presa immediata: che questa allenti o annodi a seconda del contesto, di sicuro non ti lascia libero un secondo; e se nella mappa ci sono tante di quelle linee da perdere la trebisonda, tra math e jazz passando per l’elettronica ed il funk più sconclusionato, l’effetto scarabocchio/meltin’ pot è eluso con scaltrezza.

E’ come se durante una partita di poker gli Squid avessero lanciato sul tavolo, con sorriso sardonico, il Jolly: questo è il momento esatto in cui gli astanti sgranano gli occhi, perché l’etiquette è violata, figuriamoci le regole del gioco. Il significato, il peso specifico, il valore dei soggetti, le reazioni alla mossa, li sapremo solo col tempo.

Credit Foto: Holly Whitaker

Tracklist
1. Resolution Square
2. G.S.K.
3. Narrator ft. Martha Skye Murphy
4. Boy Racers
5. Paddling
6. Documentary Filmmaker
7. 2010
8. The Flyover
9. Peel St.
10. Global Groove
11. Pamphlets
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments