JOAN AS POLICE WOMAN
The Deep Field

 
 
di Marco DAlessandro
21 marzo 2011
 

Tra le poche certezze dell’esistenza umana ritroviamo da qualche anno a questa parte la pubblicazione, ogni 2-3 anni, di un buon lavoro firmato Joan As Police Woman.

Alla terza prova col suo progetto solista Joan Wasser non ha più bisogno di conferme: i predecessori “Real Life” e “To Survive” sono senza dubbio tra i migliori titoli del rock alternativo del decennio appena passato, costruiti dalla polistrumentista americana con passione rock e gusto soul, senza dimenticare le atmosfere rarefatte del movimento new-weird e i vaghi sentori funk a cui la Wasser è affezionata (il suo stesso pseudonimo è ispirato a una serie poliziesca anni ’70).
“The Deep Field”, purtroppo o per fortuna, non si discosta affatto dai primi due album, non vede evoluzioni né tantomeno scivoloni. È il classico disco firmato Joan Wasser. Un gran bel disco, mettiamolo in chiaro, ma che avrebbe potuto fruttare molto di più se elaborato in un’ottica diversa, con la voglia di osare qualcosa di nuovo.

Per dire, “Nervous”, “The Magic”, “Chemmie”, tutti brani molto intensi ma che poco aggiungono a un’” Eternal Flame” o a una “Furious” di qualche anno fa. Qualche vago slancio lo si nota pure, come nel ritmato midtempo “Human Condition” o in “Forever And A Year”, tra le ultime reinterpretazioni Morriconiane di Anna Calvi e i sentimentalismi di Antony Hegarty. “Flash”, al contrario, segna forse il momento più basso della carriera della Wasser: un’elegia sussurrata protratta all’infinito, 8 minuti spesi ad aspettare l’inizio di una canzone che non partirà mai. “I Was Everyone” al contrario chiude con una bella coda quasi glam, virtuosismi vocali compresi.

Giovanna la poliziotta non ha necessariamente bisogno di cambiamenti, considerata la consueta piacevolezza con cui i suoi dischi di anno in anno si fanno ascoltare. Tuttavia, visto il talento che la circonda, non dispiacerebbe vederla sperimentare. Magari neanche tanto, giusto un pochettino. Che ne dici Joan?

The Deep Field
[ Reveal – 2011 ]
Similar Artist: John Grant, Martha Wainwright, My Brightest Diamond
Rating:
1. Nervous
2. The Magic
3. The Action Man
4. Flash
5. Run For Love
6. Human Condition
7. Kiss The Specifics
8. Chemmie
9. Forever And A Year
10. I Was Everyone
11. It’s Possible*
12. Human Condition (Solo)

Ascolta “Nervous”

Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

The Fire – Bittersweet EP

Dal 2005 i The Fire hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo…

Feet Down Below – S/T

I piacentini Feet Down Below, non sono quelle band che si tuffano a capofitto in…

Wet Floor – Profezia In 12 ...

Idolatria “fuck off”, questo gira come valore supremo nel nuovo disco dei monzesi Wet Floor,…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…