WILCO
The Whole Love

 
Tags: ,
 
26 Settembre 2011
 

C’è tanto di me e della mia vita nei dischi dei Wilco. Il tanto che basta a non saper come prendere la notizia di un nuovo lavoro e formularne il relativo giudizio. Incosciente come uno stuntman, mi sono fiondato a prenotare l’articolo nonostante il “peso” che la band di Jeff Tweedy porta con sé. “The Whole Love” dunque, un titolo altisonante, largo, ambizioso oppure semplicemente frutto di un periodo che, se non proprio felice, rappresenta una bella oasi di serenità per il proprio autore. L’inizio è una folgorazione, “Art Of Almost” è semplicemente uno dei pezzi più belli che abbiano mai scritto: puro soul moderno con una coda chitarristica, un brano che sembra quasi un corpo estraneo in un disco parecchio diverso. Usanza che si ripete spesso, come era successo per “Spiders:/Kidsmoke” e “Bull Black Nova” in precedenza.

Il resto sono spicchi di sole, scampoli di felicità power pop e quell’attitudine melodica sottilmente legata ai Beatles. C’è spazio pure per soffuse ballate dai ritmi medio lenti, quelle con cui adagiare la schiena su un bel prato e ammirare il cielo fare da cornice ad un lento e livido tramonto. Consapevoli che il meglio è comunque passato da qualche disco a questa parte, ritrovare i Wilco a settembre, che per tutti noi è il “vero inizio” di ogni cosa, è una piacevole sicurezza che non brandisce il vessillo della routine. Un approccio sempre più classico e riconoscibile, lontano dai tormenti interiori e dalle emozioni dolorose; la strada intrapresa è quella di una leggerezza consapevole, dolce, di chi si è liberato di alcune corazze e ha messo bene in mostra le proprie cicatrici senza farne vergogna. Anche quando una dolce ninnananna come “One Sunday morning”, posta a fine disco, inspiegabilmente lunga più di dodici minuti e avviluppata intorno agli stessi accordi, ti lascia incantato e con il cuore colmo di emozione. Proprio come quando lei ti parla e potrebbe dirti qualunque cosa, anche la più insignificante per ore e ore, mentre tu non smetteresti mai di osservarla e di ascoltarla, fosse solo per vedere come ti guarda. This is “The Whole Love”.

Cover Album

  • Website
  • MySpace
  • BUY HERE
The Whole Love
[ dBpm -2011]
Similar Artist: Uncle Tupelo, Son Volt, The Beatles
Rating:
1. Art of Almost
2. I Might
3. Sunloathe
4. Dawned On Me
5. Black Moon
6. Born Alone
7. Open Mind
8. Capitol City
9. Standing O
10. Rising Red Lung
11. Whole Love
12. One Sunday Morning (Song For Jane Smiley’s Boyfriend)
Tracklist
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...