ANDREW BIRD
Hands Of Glory

 
Tags: ,
 
10 Dicembre 2012
 

Il secondo disco di Andrew Bird in un anno? Sì, o forse no. Non si capisce bene cosa sia questo “Hands Of Glory”, troppo corto per essere un un Lp e troppo lungo per un Ep. Sarebbe perfetto come bonus disc in una ipotetica deluxe edition di “Break It Yourself.” Anche la stessa scaletta, che alterna inediti, cover e rielaborazioni di alcuni brani ne rivendica la natura ibrida. E’ necessario chiarire che di cose così ce n’è sempre bisogno, perché il marchio di fabbrica del Nostro è sempre presente in bella mostra, anche se in versione riveduta e corretta nella forma che a questo giro preferisce sottrarre anzichè aggiungere. E’ un generoso omaggio al folk americano più rurale, a partire dalle registrazioni effettuate in chiese e granai situati nell’America più bucolica. La scelta delle cover ricade su brani di Handsome Family (When The Helicopter Comes), Alpha Consumer (Spirograph) e Townes Van Zandt (If I Needed You), mentre il momento migliore del disco è la rielaborazione di “Orpheo Looks Back” presentata in una forma più scarna e a suo modo “viva”.

Sarebbe lecito storcere il naso davanti ad una scelta del genere, che potrebbe rappresentare un mero divettissiment privato poco incline ad un’operazione discografica compiuta. Ma c’è qualcosa dentro le canzoni capace di distinguersi in una forma quasi inedita. La bravura di Andrew Bird è quella di risultare più essenziale ed asciutto e allo stesso tempo non rinunciare a niente di quello che ha reso la sua musica così speciale. L’uso del violino, di strumentazioni acustiche e una voce melodrammatica e mai sovraesposta, sono componenti che rendono “Hands Of Glory” un piccolo gioiello folk senza tempo. Però sole otto tracce per trentacinque minuti di musica non sono ancora sufficienti per rompere le nostre ultime resistenze; certe cose dovrebbero durare di più. Ci piace pensare, e forse è un azzardo, che queste soluzioni potrebbero rappresentare per lui un punto di partenza per le prossime pubblicazioni. Se “Break It Yourself” fosse stato registrato con la stessa “parsimonia” forse sarebbe stato ancor più bello.

Cover Album

Hands Of Glory
[ Mom+Pop – 2012 ]
Similar Artist: Sufjan Stevens, M. Ward, Beirut
Rating:
1. Three White Horses
2. When That Helicopter Comes
3. Spirograph
4. Railroad Bill
5. Something Biblical
6. If I Needed You
7. Orpheo
8. Beyond the Valley of the Three White Horses
Tracklist
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...