DEVENDRA BANHART
Ape In Pink Marble

[ Nonesuch - 2016 ]
6.5
 
Genere: folk, songwriting
 
30 Settembre 2016
 

La voce cullata dalla chitarra di “Middle Names” apre l’ultimo album del folksinger vagabondo Devendra Banhart. Il cantautore texano dall’aurea misteriosa, nomade d’America ed ex busker in giro per gli Stati Uniti, è al suo decimo lavoro. E ancora una volta ci trascina indietro nel tempo, recuperando suoni che sembrano non sincronizzati con la frenesia contemporanea. Strumentazione scarna con una chitarra protagonista assoluta, parole ripetute a oltranza, voce sussurrata e vibrata nel microfono: sono questi gli ingredienti che Devendra mescola e rimpasta, nei quali ogni tanto inserisce pizzichi più ritmici, sonorità ovattate o tocchi di synth e percussioni. Il disco è una quieta passeggiata tra i deserti contorni texani, dove nulla succede e nulla ci si aspetta. Ed è proprio questo in fondo che ricerchiamo nei suoi cd: un ricongiungimento con un Vecchio Selvaggio (nel senso di naturalmente primitivo) Ovest, popolato da villaggi semidisabitati, strade deserte e paesaggi infiniti, dove tutto scorre e si lascia scorrere.

“Mara” ha un sapore quasi peruviano, Fig in Leather mixa anima latina e reminiscenze disco, altre spaziano dal Taiwan al classico folk statunitense: Devendra Banhart ci porta in sella per il mondo anche senza scostarsi dal suo definitissimo stile gipsy folk. Pur senza essere rivoluzionario o innovativo, “Ape in Pink Marble” è affascinante e un po’ freak, proprio come il suo creatore. È una morbida e piacevole clessidra temporale che sembra emergere da tempi perduti solo per riportarci laggiù con lei, anche se solo per la durata di 13 omogenei, dondolanti e soavi brani, cantilenanti ninna nanne per le nostre routine in costante tachicardia.

Photo: Yann Caradec / CC BY-SA

Tracklist
1. Middle Names
2. Good Time Charlie
3. Jon Lends a Hand
4. Mara
5. Fancy Man
6. Fig in Leather
7. Theme for a Taiwanese Woman in Lime Green
8. Souvenirs
9. Mourner’s Dance
10. Saturday Night
11. Linda
12. Lucky
13. Celebration
 
 

a/lpaca – Make It Better

“Make It Better” è l’album d’esordio del gruppo mantovano a/lpaca uscito sia in vinile, che CD, che musicassetta e anche ...

Ben Howard – Collections From ...

Il terzo disco di Ben Howard (“Noonday Dream” uscito nel 2018 qui la recensione) ha fatto conoscere anche in Italia il talento di un ...

Cathal Coughlan – Song Of Co ...

L’etichetta di segreto meglio custodito d’Irlanda e Gran Bretagna è sempre stata stretta a Cathal Coughlan. Fondatore dei Microdisney ...

Big Niente – Big Niente

Big Niente è la creatura di Alessio Rinci che ha sfruttato al meglio l’isolamento domestico del lockdown 2020 per dar vita a questi sette ...

The Antlers – Green To Gold

Dopo sette lunghi anni, da “Familiars” del 2014, il duo di Brooklin – composto da Peter Silberman e Michael Lerner – torna ...