TOP TEN ALBUM 2016 DI NICOLò “GHEMISON” ARPINATI

 
29 dicembre 2016
 

LEGGI LA CLASSIFICA DI INDIEFORBUNNIES DEI MIGLIORI 50 DISCHI DEL 2016: posizioni #50 -> #26 / posizioni #25 -> #1

#10) TEMPELHOF & GIGI MASIN
Tsuki

[Hell Yeah Recordings]

Il secondo capitolo della collaborazione tra i due sfuggenti manipolatori elettronici Tempelhof ed il maestro veneto dell’ambient più celestiale perfeziona la formula già collaudata nel precedente “Hoshi”: in “Tsuki” si fondono armoniosamente psichedelia gentile e minimalismo etnico, kosmische lagunare e groove onirici. L’ascolto più accogliente, caldo e rilassante dell’anno.

#9) DENGUE DENGUE DENGUE
Enchufada
[Siete Raíces]

LEGGI LA RECENSIONE

A distanza di tre anni dall’esordio “La Alianza Profana”, il duo peruviano confeziona l’ipotesi di bass-music più futuribile e credibile di tutto il 2016 giocando ad incastrare se non proprio gli opposti, ingredienti alquanto eterogenei: l’umidità avvolgente della Foresta Amazzonica incontra la frenesia del dancefloor e, tra rit(m)i misterici e atmosfere psicotrope, i Dengue Dengue Dengue realizzano così un vero capolavoro di sensualità e groove.

#8) JOLLY MARE
Mechanics
[Bastard Jazz / 42 Records]

Un disco che è un ponte tra l’Italia ed il mondo: perché, se è vero, che in “Mechanics” non mancano mai i riferimenti all’italianità dell’autore (dalle citazioni morricaniane all’atmosfera sanremese del singolo “Hotel Riviera”), è altrettanto evidente che l’album, per i suoni pieni e mai banali, per la produzione ricca e sofisticata, aspira ad un pubblico internazionale: e, pure giustamente e meritatamente, non sono pochi ad essersene accorti (a partire dall’etichetta newyorchese Bastard Jazz).

#7) MARK PRITCHARD
Under The Sun
[Warp]

Soltanto un luminare dell’elettronica come Mark Pritchard, un maestro indiscusso e attivo dal principio degli anni novanta poteva comporre un disco così sospeso, così fuori dal tempo e dallo spazio: quasi settanta minuti in cui passato, presente e futuro si fondono per accogliere l’ascoltatore in un pianeta nuovo e futurista, synthetico e splendente.

#6) MACHWEO
Musica Da Festa
[Flying Kids Records]

Al secondo disco il giovanissimo producer Machweo si presenta con un concept assordo, ispirato all’eurodance più trash e provinciale: il risultato però spiazza consegnando all’ascoltatore un disco in cui convivono i synth analogici più visionari, un efficace senso per la melodia e un’atmosfera sempre giocosa. Un’opera che sposta un poco più in alto l’asticella dell’elettronica italiana.

#5) GAIKA
Security

[MIxpakl]

Forse è vero che il mixtape precedente, Machine, era una novità assoluta ed il recente ep “Spaghetto”, prima uscita ufficiale su Warp, contiene tutta la poetica, black ed industriale, quasi cyber-punk, del giovane Gaika: ma questo secondo lavoro “Security” è così meravigliosamente dopato e sensuale, così ambiziosamente ed insieme genuinamente imperfetto che non riesco assolutamente a smettere di ascoltarlo.

#4) BADBADNOTGOOD
IV
[Innovative Leisure Records]

Ribaltando il famoso adagio fascista, potremmo dire “molti amici, molto talento”: al quarto lavoro i canadesi BadBadNotGood possono vantare Kaytranada, Colin Stetson e Samuel Herring dei Future Islands tra gli ospiti di un disco che sa mischiare con assoluta leggiadria e imparagonabile perizia tecnica musica alta, jazz e sperimentazione con l’hip-hop, il soul, il funk più caldo e sincero.

#3) DAVID BOWIE
Blackstar

[Sony Music]

È già stato detto tantissimo ed anche alcuni dei miei colleghi sono riusciti a spendere parole azzeccate ed efficaci. David Bowie ha fatto della sua vita, persino della sua morte, arte e “Blackstar” è solo una parte, per quanto meravigliosa ed enorme, di un’installazione lucida e spietata, capace di lasciare tutti a bocca aperta.

#2) SHACKLETON WITH ERNESTO TOMASINI
Devotional Songs

[Honest Jon’s Records]

Inserito, più per una contingenza temporale che per altro, tra le file dei producer dubstep, l’inglese Shackleton si è sempre mostrato refrattario ad ogni definizione, lasciando che a definire il suo sound, così intenso e particolare, fossero le numerose e sempre affascinanti. Così “Devotional Songs”, con il fondamentale aiuto del cantante lirico Ernesto Tomasini, si avvicina al post-punk più gotico ed allucinato: sono quattro i brani in cui si dividono i quasi quaranti minuti di un viaggio esistenziale catartico e coinvolgente, quattro movimenti semplicemente indimenticabili.

#1) AUTECHRE
elseq 1-5

[Warp]

Non ero riuscito mai, precedentemente, ad entrare dentro le opere degli Autechre così intensamente, in maniera così totalizzante come è invece accaduto per i cinque ep che vanno a comporre elseq, nonostante questi ultimi possano forse dirsi l’approdo più avanzato di una poetica proseguita nel tempo, quasi dagli esordi. Le cinque facce di elseq riescono a contenere i temi cari ai due inglesi, dall’incomunicabilità all’intelligenza artificiale, dai suoni autogenerati alle geometrie cubiste, e a tradurli in un suono che, incomprensibilmente (ma non poteva essere altrimenti), è forse il più caldo, il più accogliente di tutta la discografia firmata Autechre: una specie di jazz-dub industriale completamente suonato da meccanismi automatizzati. Non solo il disco dell’anno 2016, ma pure quello dei prossimi millenni.

 

L’Attimo Fuggente 9 Gennaio ...

01. Ralegh Long – Morning (We Are In The Fields) 02. From A Distance –…

Oggi “Neon Golden” dei ...

Un cerchio nero su uno sfondo rosso in copertina, un simbolo vagamente alchemico che accompagna…

LE MIGLIORI SERIE TV DEL 2016

Il 2016, come da consolidata abitudine da qualche anno a questa parte, è stato…

TOP TEN ALBUM 2016 de ...

LEGGI LA CLASSIFICA DI INDIEFORBUNNIES DEI MIGLIORI 50 DISCHI DEL 2016: posizioni #50 ->…

TOP TEN ALBUM 2016 di Luca ...

Menzione d’onore: Suede – Night Thoughts Minor Victories – S/T Tim Hecker – Love…