VERANO
Panorama

[ 42 Records - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie pop, cantautorato
 
4 Giugno 2018
 

Dopo anni passati in tournée con L’Officina della Camomilla e Intercity, Verano prende la strada solista con eccellenti collaborazioni, tra cui Colapesce, Lorenzo Corti (Cristina Donà) e Mattia Boscolo (Cosmo).

Verano, ovvero Anna Viganò, si è esposta, ha raccontato di sé, della fragilità, della forza, di amore e di malinconia in una raccolta di 10 canzoni dal titolo “Panorama”, a due anni dall’ep d’esordio omonimo.

Già dai primi ascolti, una delle particolarità più interessanti dell’album è la presenza decisa delle chitarre che assumono un ruolo importante, mischiandosi con gli effetti della voce e le componenti elettroniche, con quest’ultime a fare da sfondo alle canzoni. L’influenza di Colapesce nel ruolo di produttore, si percepisce nelle atmosfere dei brani, come in “Parquet”, nella ritmicità dell’album, nell’uso delle tastiere e nella scrittura. Ciò è assolutamente positivo: la versatilità e la bravura di Anna Viganò vengono così espresse al meglio grazie all’aiuto di uno dei più apprezzati cantautori contemporanei.

Non poteva esserci titolo migliore di “Panorama” per dare il nome questo album. La resa sonora rimanda a immagini eteree, aperte, restando, tuttavia, ancorate a delle foto, quelle che ricordano il rapporto a volte difficile con il padre (“Vasco”, «C’era una foto che non mi hai mai dato. Eri felice di quello che avevi, restavi fermo sulla collina mentre io correvo. Me lo ricordo, portavi anche il tuo cannocchiale. Ti ho immaginato nei cieli d’agosto. Per quanto tempo sei stato in un posto segreto che non so trovare»), un paesaggio (“Panorama” «Ma abbiamo cose di noi ovunque, dentro le foto, nei pomeriggi, delle valigie che non disfiamo mai. Abbiamo cose di noi ovunque, dei viaggi lunghi mentre guardi fuori. Dei panorami che ce lo urlano»), camere d’hotel (“Oasi Hotel” «Un’altra notte nella 109. Un’altra foto con i quadri brutti. E prenotiamo il nostro cuore a ore, ci ripetiamo che non si può fare») o quelle che rimangono private, che svelano debolezze e difficoltà, in amore o con se stessi (“Stimoli” «Torni a volte senza avvertire, non sapevo che fossi qui. Fammi una fotografia e poi ci diciamo addio. Ma dove sei, non vai via mai» e “Le Piante”).

I testi, pur essendo semplici, sono densi di significato, dall’ammissione delle colpe nella coppia, alla difficoltà di rimanere dentro i limiti, dentro gli schemi (“Scarabocchio” «Colora e tu prova a stare nei bordi, non uscire mai […] E poi ho rovinato il disegno con la mia presunzione. Ti ho detto stai sereno, ma in fondo io non so disegnare»).

La particolarità della sua voce, del suo modo di cantare pacato, quasi sospirato, è al contempo pregio e difetto di “Panorama”. Pregio perché rende riconoscibile Verano sin dalle prime note, identifica subito che è Anna Viganò; dall’altra rende l’album un po’ autoreferenziale, come se girasse sempre nello stesso mood un po’ malinconico e un po’ annoiato, pur trattando tematiche diverse e proponendo brani qualitativamente alti.

Resta il fatto che l’album vale molto più di un ascolto. I ritornelli rimangono in testa, le chitarre divertono e le canzoni suoneranno sicuramente bene nelle torride giornate estive.

Tracklist
1. Vasco
2. Bombafragola
3. Parquet
4. Dentro La Notte
5. Panorama
6. Portavoce
7. Le Piante
8. Scarabocchio
9. Stimoli
10. Oasi Hotel
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Black Angels – Wilderness ...

Non si può certo dire che i cinque anni abbondanti trascorsi tra “Death Song” e “Wilderness Of Mirrors” siano stati poveri di ...

Verdena – Volevo magia

Passano sette lunghi anni ed ecco finalmente tornare i Verdena con il loro carico di ricordi, sentimenti e aspettative che vanno oltre la ...

Suede – Autofiction

Ritornare all’essenza, partire da qui per andare avanti, si saranno detti Brett Anderson e soci alle prese col nuovo album che ...

Built To Spill – When The ...

Sono passati oltre sette anni da “Untethered Moon” e i Built To Spill sono finalmente ritornati con questo loro attesissimo nono album ...

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Recent Comments