THE COMMON COLD
Shut Up! Yo Liberals!

[ Action Records - 2018 ]
7.5
 
Genere: Psychedelic-Krautrock, Indie-dance
 
13 giugno 2018
 

Primo album per la band di Preston (cittadina del Lancashire, NordInghilterra) ma qui non si parla di un gruppo di ragazzini con i brufoli sulle guance che scimmiottano gli Oasis, plagiando le pentatoniche di Noel. Mark Wairing (voce e testi) e Ajay Saggar (chitarra e musica) erano mente, anima e muscoli dei leggendari Dandelion Adventure, band underground che pubblicò un paio di album di noise-rock sperimentale a cavallo tra gli anni ottanta e novanta. Chi ha intuito da vendere avrá già capito che l’album che stiamo recensendo non è da cercare nella sezione easy-listening del negozio di dischi appena dietro l’angolo.
Ma attenzione: se amate i suoni ruvidi e un certo post punk con non poche velate influenze psichedeliche, questo è un album che merita di essere ascoltato con interesse.

Una curiosità : nella formazione ci sono due batteristi, uno di questi, Dave Chambers, ha militato nei Cornershop (quelli di “Brimful of Asha”).
L’album ha una grande energia ed una forza d’urto notevole con le due batterie a creare un sottofondo deciso ed ipnotico. Le linee di basso (bravo il diciasettenne Jack Harkins, per nulla intimorito nel dettare il ritmo in una band con due leader di trentennale esperienza) creano spesso anche la linea melodica sui cui i brani vengono costruiti. Un mix di psichedelia e suoni che molto ricordano band come i primi Stone Roses ma interpretati dagli Happy Mondays (“Napoleon’s Index Finger” su tutte) o pezzi con groove potenti e ripetitivi.
“Stop the traffic” è il biglietto da visita della band, un brano che denuncia il controllo che le moderne tecnologie esercitano sulle masse. “Ferma il traffico perché non riesco a sentire la radio“, ci viene ripetuto ossessivamente, concetto ripreso anche nella scatenata “Tapped “.
La voce di Mark è sporca, arrabbiata e spesso recitante. Sempre in modalità lo-wi ci ricorda il compianto Mark E. Smith e nella conclusiva “Body Language” sembra di esserci spostati a Nottingham ad ascoltare gli Sleaford Mods arricchitisi di una chitarra…
Un ottimo album: anche se pescano collaudate sonorità dal passato, i Common Cold riescono ad essere credibili, la loro musica nasce da una miscela di psichedelia, Krautrock, Dance ed un pizzico di melodia Britpop con un particolare risultato, quello di farci sentire parte della loro lotta al sistema e, quindi, in un certo senso, vivi.

Alziamo la caraffa di birra e brindiamo! Preston ha oggi una buona band di cui vantarsi.

Tracklist
1. Stop The Traffic
2. The London Look
3. Napoleon's Index Finger
4. Half Nelson Headlock
5. Low Winter Sun
6. Bored of The Bayou
7. Tapped
8. Pretty Julie
9. Body Language
 
 

Gruff Rhys – Babelsberg

Molti conosceranno Gruff Rhys come voce e chitarra dei Super Furry Animals, collettivo gallese capace di qualunque pazzia che dall’ormai ...

Lump – Lump

Chi vi scrive adora le chitarre e le melodie immediate, ma, lasciatemelo dire, di fronte a simili delizie mesmeriche e suggestive non si ...

Chvrches – Love is Dead

Nonostante il titolo possa far pensare ad un album incentrato sulla fine struggente di un amore, “Love is Dead”, terzo album in ...

Twin Shadow – Caer

Partiamo subito dalle conclusioni: quanto avevo apprezzato il synth-pop anni 80 di “Confess” e quanto invece trovo non del tutto ...

Barbarisms – West in the Head

Il titolo del nuovo lavoro dei Barbarisms, “West in the Head” prende spunto da un saggio dello scrittore William H. ...