BOHEMIAN RHAPSODY

 
 
di
2 dicembre 2018
 

Non sono un grande fan dei Queen, men che meno sono un grande fan dei fan dei Queen, una delle razze di fan più terribili al mondo – secondi probabilmente solo a quelli di Bruce Springsteen e Radiohead. E quindi aspettavo questo prodotto, fortemente orientato ai fan della band, diviso tra curiosità e diffidenza.

Inizio subito col dire che, accuratezza cronologica o meno – una delle più grandi critiche che leggo in giro riguarda la troppa libertà che gli sceneggiatori si sono concessi nel mischiare temporalmente gli accadimenti -, la scrittura funziona molto bene e il film fila via che è un piacere, fino agli ultimi venti minuti – ma di questi parlerò dopo. Pur concentrandosi quasi esclusivamente sulle vicende di Freddie Mercury – ah, inutile anche dirlo: Malek ha fatto un lavoro che spacca, anche nei momenti più melensi e drammatici, che per antonomasia sono i più tosti, quelli in cui è più facile incappare in overacting e affini -, il plot riesce a dare spessore anche agli altri membri della band, che con il minutaggio ad essi dedicato era un risultato tutt’altro che scontato.

Mi sono piaciuti molto i momenti dedicati alla genesi dei brani, talvolta anche piuttosto tecnici, e alla forza con cui Mercury e soci imponevano le proprie scelte ai produttori. Un grande rammarico è che la colonna sonora avrebbe potuto privilegiare qualche perla meno nota della band di Londra, invece che ridursi al solito Greatest Hits.

Il concerto a Wembley per il Live Aid è l’evento cruciale della storia, più che della carriera, della band cui il film gira intorno per tutta la sua durata, ma è proprio nel risolverlo che il film annoia per la prima volta – i venti minuti di cui anticipavo all’inizio. Onestamente: a cosa servono venti minuti in cui Malek replica, cantando in playback, ogni singolo gesto e posa della celebre performance nella sua interezza? Okay, di nuovo, bravissimo, ma a cosa serve? Onanismo per fan?

Paese di produzione: Stati Uniti d'America, Regno Unito
Anno: 2018
Durata: 134 min
Genere: biografico, drammatico, musicale
Regia: Bryan Singer, Dexter Fletcher (non accreditato)
Soggetto: storia di Anthony McCarten e Peter Morgan
Sceneggiatura: Anthony McCarten
Produttore: Jim Beach, Robert De Niro, Graham King, Brian May, Peter Oberth, Bryan Singer, Roger Taylor
Produttore esecutivo: Arnon Milchan, Denis O'Sullivan, Jane Rosenthal
Casa di produzione GK Films, New Regency Pictures, Queen Films Ltd., TriBeCa Productions
Fotografia: Newton Thomas Sigel
Montaggio: John Ottman
Musiche: John Ottman

Interpreti e personaggi

Rami Malek: Freddie Mercury
Ben Hardy: Roger Taylor
Joseph Mazzello: John Deacon
Gwilym Lee: Brian May
Lucy Boynton: Mary Austin
Aidan Gillen: John Reid
Tom Hollander: Jim Beach
 

Mandy

In una scena più o meno a metà film, Nicholas Cage si trova in un bagno tappezzato con poco gusto di giallo e arancione, indossa slip ...

Gioventù Bruciata

di Dario Ardias Thorre “Sai cosa ha scritto Godard su Nicholas Ray? Nicholas Ray è il cinema” Questa battuta, presente in ...

BlacKkKlansman

Applaudito da molti come l’ultimo capolavoro di un ritrovato Spike Lee, non è l’opera d’arte che si legge in giro, ma ...

Blade Runner 2049

di Dario Ardias Thorre Vedere ‘Blade Runner 2049’, senza nessuna remora per quello che rappresenta ‘Blade Runner’, ...

Nico, 1988

di Dario Ardias Thorre Di solito, tranne rarissime eccezioni, odio i biopic di qualsivoglia genere perchè ne avverto sempre l’olezzo ...