MARK KNOPFLER
Down The Road Wherever

[ Universal / Virgin EMI - 2018 ]
7.5
 
Genere: Rock Blues - Country Rock
 
3 dicembre 2018
 

Mark Knopfler torna, tre anni dopo “Tracker”, con un nuovo album nel quale ripropone il sound che ha contraddistinto la sua carriera solista, fatta di atmosfere tranquille e rassicuranti, e con il quale ha segnato progressivamente l’allontanamento da una certa influenza rock presente nei suoi inizi con i Dire Straits.

Mark Knopfler ha spesso dichiarato il suo amore per il country e il blues, ma per quanto nelle sue canzoni siano temi sempre presenti, spesso nei suoi brani troviamo rimandi funky, inserzioni jazz, che ci portano ad avere un ascolto diverso dal solito e maggiormente stimolante.

In tutto l’album resta presente l’eleganza del songwriting, la sua inconfondibile chitarra, sempre magica e affascinante, la perfezione dei brani così pieni di sfumature e di arrangiamenti perfetti, che si sviluppano in modo rassicurante in tutti i 16 brani della versione deluxe.

“Down the Road Wherever” è il lavoro di un artista che è ormai libero di offrire al suo pubblico quello che ama, senza preoccupazione o ansia da prestazione, perché a Mark Knopfler piace creare e realizzare i suoi lavori, comporre musica, colonne sonore, e come dichiarato in una recente intervista lo vorrà fare per sempre, anche quando l’età gli consiglierà di interrompere l’attività live.

L’album apre con “Trapper Man” dove una manciata di secondi di silenzio lascia l’ingresso ad una chitarra delicata fino all’arrivo della batteria, un brano degnissima apertura di un album importante.

Anche se il lavoro si ascolta con piacere dall’inizio alla fine, cito alcuni brani come “Just A Boy Away From Home”, un blues con la chitarra deliziosa nella parte finale, “When You Leave” con tromba che da un’atmosfera jazz, “Good On You Son” il più vicino al sound che ricorda il suo passato con i Dire Straits, “Nobody Does That” con andamento funky, “Heavy Up” con una leggera ma trascinante base reggae.

L’album nella versione deluxe chiude con “Matchstick Man” in cui Mark Knopfler ci saluta con un brano accompagnato da una chitarra acustica.

Mark Knopfler mantiene alta la qualità in un lavoro dalle molte letture e nel quale riesce ad offrire brani nel quale l’influenza blues, jazz, country, si fondono in maniera perfetta.

Tracklist
1. Trapper Man
2. Back On The Dance Floor
3. Nobody’s Child
4. Just A Boy Away From Home
5. When You Leave
6. Good On You Son
7. My Bacon Roll
8. Nobody Does That
9. Drovers’ Road
10. One Song At A Time
11. Floating Away
12. Slow Learner
13. Heavy Up
14. Matchstick Man
 
 

Daniel Romano – Finally Free

Il nome del canadese Daniel Romano compare spesso nelle top ten di fine anno di blog e riviste musicali d’oltreoceano. Poeta, artista, ...

Patrick Duff – Leaving my ...

Patrick Duff, eclettico frontman dei mai compianti abbastanza Strangelove, torna con un lavoro molto interessante, dopo ben 5 anni dal ...

Beans on Toast – A Bird in ...

1 Dicembre: una ricorrenza. Il primo Dicembre 1980 nasceva nell’Essex, contea che ha dato i natali tra gli altri anche a Damon Albarn, ...

The Smashing Pumpkins – Shiny ...

La situazione del mio Milan è molto vicina alla band di Billy Corgan, che oggettivamente fa parte della storia e ha scritto pagine di ...

Bloodbath – The Arrow Of ...

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano ...