BLOODBATH
The Arrow Of Satan Is Drawn

[ Peaceville Records - 2018 ]
8
 
Genere: death metal
 
12 dicembre 2018
 

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano fatto credere di voler chiudere definitivamente i giochi con un “gran funerale morboso”: “Grand Morbid Funeral” del 2014, almeno secondo i piani, avrebbe infatti dovuto essere l’ultimo chiodo sulla bara del supergruppo con base a Stoccolma. A spingere al dietrofront questi cinque pesi massimi del death metal più truculento e sanguinario è stato il desiderio di tradurre in musica l’attuale periodo storico, dominato da caos, incertezze e paure di ogni tipo; neanche fossimo diventati i protagonisti di un episodio di “Black Mirror”, per dirla in parole povere.

Sono loro stessi a farci il quadro di una situazione tutt’altro che rosea nel comunicato stampa che accompagna l’uscita di “The Arrow Of Satan Is Drawn”: tra leader mondiali che lanciano minacce di attacchi nucleari racchiuse nei 140 caratteri di Twitter, capitalismo sulla via dell’autodistruzione, proliferare di device elettronici in grado di controllare e influenzare ogni aspetto delle nostre vite e cambiamenti climatici che sembrano volerci letteralmente guidare tra le braccia dell’estinzione, non poteva esserci momento migliore per questa marcissima “ode al sudiciume” del mondo.

Stando alle parole del chitarrista Anders ‘Blakkheim’ Nyström (già membro dei Katatonia), le dieci tracce contenute nella quinta prova in studio dei Bloodbath rappresentano la colonna sonora ideale per l’inarrestabile marcia del genere umano verso la rovina. Inutile dirvi che l’ottimismo non è mai stato una prerogativa dei nostri: d’altronde, basta guardare le facce del quintetto (oltre a Nyström abbiamo Nick Holmes dei Paradise Lost alla voce, Joakim Karlsson dei Craft alla chitarra, il cantante dei Katatonia Jonas Renkse al basso e Martin Axenrot degli Opeth alla batteria) per capire di avere a che fare con gente che non ha mai avuto tanto voglia di scherzare. E qui ce lo confermano per l’ennesima volta, regalandoci uno dei loro album più ruvidi, cattivi e violenti di sempre.

I proclami apocalittici della band, in fin dei conti, non sono poi così campati per aria come si potrebbe credere. In un’epoca in cui spesso capita di ascoltare death metal iper-tecnico, annacquato o sovraprodotto, “The Arrow Of Satan Is Drawn” punta tutto su una pesantezza ai limiti del sostenibile che ci riporta alla mente i tempi d’oro della scena scandinava, quella cui appartenevano colossi del calibro di Entombed, Grave e Dismember. Quaranta minuti di pura macelleria sonora che non lasciano un attimo di tregua, con tanto di feroci incursioni in territori death ‘n’ roll, thrash (“Wayward Samaritan”, “Warhead Ritual”) e black (“Fleischmann”, “Deader”).

Tracklist
1. Fleischmann
2. Bloodicide
3. Wayward Samaritan
4. Levitator
5. Deader
6. March Of The Crucifiers
7. Morbid Antichrist
8. Warhead Ritual
9. Only The Dead Survive
10. Chainsaw Lullaby
 
 

Fleeting Joys – Speeding Away ...

E se cercavate l’album shoegaze del 2019, beh, sappiate che lo avete trovato. I Fleeting Joys tornano a deliziarci con un sound che è ...

Julia Shapiro – Perfect ...

Cantante e chitarrista di Chastity Belt e Childbirth, Julia Shapiro ha pubblicato il suo album d’esordio, “Perfect Version”. L’album ...

Jesca Hoop – Stonechild

Nuovo disco per Jesca Hoop, Cenerentola ribelle del folk rock che da tredici anni si muove agilmente tra stili e influenze diverse cambiando ...

Bleached – Don’t You Think ...

Tornano le Bleached delle sorelle Clavin con un nuovo album che, possiamo dirlo subito, suona come una specie di greatest hits, brani ...

Black Midi – Schlagenheim

Nonostante siano appena arrivati al debutto, i britannici black midi hanno già fatto sapere di essere pronti a spingere il loro ...