IN A STATE OF FLUX FESTIVAL
Live @ Mikasa (Bologna, 18/01/2019)

 
19 gennaio 2019
 

Si respira aria familiare al Mikasa, qui a Bologna. Non solo perché la serata presenta un sound a me molto vicino e molto gradito, ma proprio perché quel senso di amicizia e di “fratellanza” tra gruppi e partecipanti stessi (quelli sotto il palco, diciamo) è davvero forte e tangibile. La scena italiana shoegaze si mette in vetrina, con alcuni dei suoi gioielli migliori, ma non lo fa in modo altezzoso o sgarbato, tutt’altro, lo fa con umiltà, rispetto, il sorriso sulle labbra e una manifestazione genuina e spontanea di bravura artista che ormai è impossibile non notare: un livello musicale altissimo che spinge, realmente, tutte queste band fuori dai confini nazionali, perché se lo meritano e perché dimostrano di avere tutte le carte in regola per giocarsela con i big del genere di caratura internazionale.

4 band, 4 modi diversi d’intendere l’approccio al genere. Il tetto comune è il perfetto contenitore di “In A State Of Flux Festival” che stavolta fa tappa a Bologna, al Mikasa, locale che non conoscevo (se non di nome) e che mi ha pienamete soddisfatto, in particolare sull’acustica, che in una serata del genere doveva essere ottimale e così è stato. Il buon Depo è “padrino” della manifestazione e i gruppi non dimenticano mai di citarlo e ringraziarlo, fanno bene: DJ dalle sapienti mani e dal delizioso gusto musicale Davide de Polo ha avuto questa bella intuizione di cogliere lo spirito nascente dell’ “italogaze” e ha voluto fortemente trovare un contenitore che potesse creare interconnessioni virtuose tra le band, certo, ma anche tra i fruitori della musica. Missione compiuta amico mio.

I Backlash mettono in campo tutta la loro passione per gli anni ’90, partendo da una base che potrebbe essere quella “britpop”, i fratelli Gallagher in primis, ma il suono è sporcato a dovere (mentre nel britpop classico si tendeva a rendere brillanti e solari le canzoni), con quella punta di “acido” che permea piacevolmente tutto il sound. Ottima l’idea di lasciar spazio spesso alla parte strumentale. Il loro set è melodico e grintoso. Positivi.

I Rev Rev Rev dimostrano anche live, se ce ne fosse stato bisogno, di essere brillanti costruttori di muri sonori devastanti. Sembrano essere quelli più monolitici e rumorosi, figli più che legittimi di Kevin Shields, ma questo non pone limiti alla loro ispirazione, non rinchiusa fra le mura dello shoegaze più sonico, ma anzi, pronta a librarsi in territori più avvolgenti e psichedelici. C’è pure una cover dei Ride nella loro setlist. Da notare che la band confessa di non essere in ottime condizioni fisiche, ma risultano devastanti comunque!

Dicono bene i milanesi In Her Eye: non ce ne frega nulla delle etichette, andiamo avanti per la nostra strada. Ecco che dal vivo il loro suono è carico come una molla e potente come un pugno in faccia. A tratti ci sentiamo trasportati in territori noise americani, qui, più che il Kevin Shields dei Rev Rev Rev, a indicare la via maestra pare esserci Steve Albini. E allora giù a testa bassa con ottimi incroci basso e batteria (davvero uno dei punti di forza dei ragazzi), mentre le chitarre lasciano segni rabbiosi che trasportano solidi dettami indie-rock in pulsioni fisiche che non danno scampo. Sempre più bravi.

La chiusura spetta ai napoletani Stella Diana (nella foto che trovate sopra) che, lasciatemelo dire, lasciano tutti i presenti a bocca aperta. Definirli eleganti e ipnotici è quasi riduttivo. Dario Torre (persona, tra l’altro, ricca di cultura e vera fucina di spunti in ambito musicale, cinematografico e calcistico) sul palco è magnetico, cattura gli sguardi (pur riuscendo comunque a stemperare il tutto con ironia e sarcasmo), ma è la musica degli Stella Diana che inebria subito la nostra mente. La scuola new wave, le magie di Echo and the Bunnymen e Chameleons ma anche la sensibilità shoegaze degli anni ’90: sono questi i riferimenti che spesso vengono accostati alla band e tutto è vero e condivisibile, ma l’atmosfera che permea la loro musica live è qualcosa che da la pelle d’oca ed è una sensazione che ogni recensione dell’album in studio non potrà mai dirvi. A questo punto l’epiteto di maestri è doveroso.

Applausi meritati per tutti. Non possiamo dire altro.

 

Cure – Live @ Firenze Rocks ...

di Enrico Sciarrone Ai Cure va riconosciuta una coerenza e un onesta’ intellettuale che la critica e il pubblico hanno sempre notato e ...

Firenze Rocks – Visarno Arena ...

di Elena Castagnoli Tornano sul luogo del delitto Eddie Vedder e Glen Hansard, protagonisti di Firenze Rocks come nel 2017. Diciamolo subito ...

No Silenz Festival (Cigole, ...

di Fabio Campetti Quindi anche il Nosilenz, il festival ad entrata gratuita più longevo di Brescia e provincia, arriva all’atto ...

Tool – Live @ Firenze Rocks ...

Per un live così importante, beh, un report non bastava, ne abbiamo addirittura due… di Michele Brigante Sanseverino Dopo 12 anni i ...

Fantastic Negrito – Live @ ...

E’ passato un anno esatto dall’ultima volta in cui abbiamo visto Fantastic Negrito, in una serata di inizio giugno nel Cortile del Covo ...