SEAN HENRY
A Jump From The High Dive

[Double Double Whammy - 2019]
7
 
Genere: bedroom-pop,indie-pop
 
9 Dicembre 2019
 

E’ passato poco più di un anno dall’uscita del suo primo LP, “Fink”, ma Sean Henry il mese scorso ha già pubblicato questo suo sophomore, sempre per la preziosa Double Double Whammy, una delle nostre indie-label preferite degli ultimi anni.

Trasferitosi nel Connecticut da NYC a causa della fine della sua precedente relazione sentimentale e della mancanza di soldi, il musicista statunitense ha concepito il suo nuovo disco proprio nello stato che gli ha dato i natali e lo ha co-prodotto insieme a Brian Antonucci, che ha anche suonato chitarra, tastiere e percussioni nel disco.

Henry ha lavorato con attenzione, ha reso il suo suono lo-fi più pulito per questa occasione e ha curato maggiormente i dettagli, facendosi influenzare – come da lui stesso ammesso in recenti interviste – dalla musica degli anni ’90, che ha ascoltato in abbondanza durante il processo di scrittura.

Parliamo subito della nostra canzone preferita (e suo recente singolo) “You Fall Away”: incredibilmente ispirata, dal ritmo calmo (presente in tutto il disco e di sicuro causato dalla vita meno frenetica del Connecticut rispetto a quella della Grande Mela) e piena di gradevole melodie, sembra inizialmente uscire da un disco degli Oasis, per poi proporre un outro impazzito che ci ricorda, invece, i primi Radiohead di Thom Yorke.

Mentre “Surf Song” ci riporta alla mente l’eccletticità di Beck, con qualche tocco elettronico e delle notevoli schitarrate, “Touch The Sun” vede l’uso dei synth e si sposta su territori pop decisamente eleganti.

Ci sono parecchi nuovi elementi interessanti in questo disco di Sean Henry, che si lascia ascoltare in maniera molto piacevole, grazie anche alle sue sempre ottime melodie: un passo in avanti importante per il musicista del Connecticut. Il suo nuovo LP merita di sicuro più di un ascolto.

Photo Credit: Michael Wolever

Tracklist
1. Can U
2. So Real
3. Surf Song
4. Rain, Rain
5. Touch The Sun
6. It’d Never Be Enough
7. Space Kicks
8. The Cars
9. If
10. You Fall Away
11. Slip
 
 

Stian Westerhus – Redundance

Con la classe e la competenza tipica del vero musicista, Stian Westerhus prosegue il suo particolarissimo percorso di evoluzione artistica ...

Anna Calvi – Hunted

Non sono rari al giorno d’oggi i casi di album che vengono rivisti, rimaneggiati – con chiavi di lettura di volta in volta ...

Birthh – Whoa

E’ italianissima, ma non lo diresti mai, almeno riferendosi alla sua musica e al suo universo di riferimento. Alice Bisi – che a ...

Jet Set Roger – Un rifugio ...

Jet Set Roger (alias Roger Rossini) è un artista a cui non piace certo vincere facile, e lo dimostra una volta di più con il suo nuovo ...

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...