BERLIN ALEXANDERPLATZ

regia di Burhan Qurbani, 2020
 
Genere: Drammatico
 
di
10 Agosto 2021
 

Ce l’ho a casa il libro di Alfred Doeblin, peraltro in inglese, e giuro che prima o poi lo leggo. Così come prometto di guardare la serie che Fassbinder ne ha tratto nel 1980. Magari procederò a ritroso: prima la serie di Fassbinder, poi il libro.
Del resto mi sono accostato a questo ideale tracciato letterario-cinematografico, ispirato dalla natura drammatica e controversa di una città un po’ mamma un po’ puttana come Berlino, partendo dal suo capo più recente, ossia questo film omonimo presentato dal regista di origine afgane Quarbani alla scorsa Berlinale.

La miseria della Berlino degli ultimi, capitanati da un inedito Franz dalla pelle nera, questa volta è quella degli spacciatori di Volkspark Hasenheide a Neukoelln. Nelle abbondanti e crude tre ore di film, divise in cinque capitoli, il disperato protagonista si troverà ripetutamente a scegliere tra bene e male, procrastinando per debolezza o necessità la sua redenzione. Chi ha letto Doeblin o visto Fassbinder sa quanto e cosa questo eterno rimandare gli costerà.

Il racconto di Qurbani non lascia niente all’immaginazione, la fotografia è torbida e psichedelica, la aiuta una colonna sonora straniante (micidiale ad esempio l’utilizzo di “Quitame la piel” di Arca negli intermezzi onirici). Il parco attori è credibile e urbanamente berlinese, tra loro svetta però il mefistofelico e sciancato Reinhold di Albrecht Schuch, personaggio davvero schifoso che riesce a turbare con le sue imprevedibilità e perversione anche chi si trova dall’altra parte dello schermo.

Protagonisti:

Jella Haase,
Martin Wuttke,
Albrecht Schuch,
Nils Verkooijen,
Joachim Król
Germania, 2020
Durata:183 minuti.
 

Per Lucio

Difficile raccontare Lucio Dalla, quasi deliberatamente uno dei cantautori meno inquadrabili, più poliedrici e sfuggenti della sua ...

Generazione 56K

Foste alla ricerca di una serie leggera, di quelle da mandar giù in due o tre serate senza il bisogno di accendere il cervello, ...

Marx puo’ aspettare!

Da sempre legato a doppio filo alla storia della sua famiglia nell’intera carriera cinematografica, quasi che nel corso del tempo sia ...

Luca

Salutato da molti come il primo film Pixar LGBT, come una specie di “Call My By Your Name” d’animazione, ...

Mare Of Easttown (Omicidio a ...

Non che mi piaccia farlo, ma ancora una volta scriverò di un film o di una serie partendo del lavoro da cani fatto dai traduttori di titoli ...