OZARK (STAGIONE 4)

[ Netflix - 2022 ]
 
Genere: drammatico, thriller
 
di
27 Settembre 2022
 

Ho recuperato con un bel po’ di ritardo la stagione conclusiva di “Ozark”, lo show di Netflix che è stato salutato da molti come l’unico erede possibile di “Breaking Bad” – se non altro per il tema comune della discesa negli inferi del crimine di personaggi che non provengono da quell’ambiente. Le differenze tra le due serie sono però tante e vistose, ancor più a show conclusi, con quella ambientata nella Red Neck Riviera del Missouri a confermarsi come la più scura e moralmente ambigua delle due.

Almeno nella sua prima parte, la quarta stagione della serie che segue le vicende di Marty Byrde e famiglia, mantiene l’altissimo livello narrativo e registico raggiunto dalla glaciale terza stagione – quella che aveva segnato davvero un punto di svolta per i fatti, con l’immaginario cambio di testimone tra Marty e Wendy nel ruolo di capo famiglia, con quest’ultima incapace di subire gli ordini come il marito e dunque proattiva e cruciale nelle spericolate macchinazioni politiche e criminali, oltre che davvero spietata e amorale.

Qualche problema di script arriva invece in una seconda parte che sembra aver esaurito tutte le pallottole e che persevera, fino all’ultimissima inquadratura, nel ribadire quanto spazio ci sia negli Ozark (e in America) per rettitudine, onestà, bontà e speranza, ossia zero.

Ancor più che la gelida fotografia cinematografica con l’ormai leggendario filtro blu, al solito il punto di forza della serie sono i personaggi, quelli vecchi quanto quelli nuovi. Per una Laura Linney intenta a scatenate tutta la furia di cui è capace Wendy, troviamo un Jason Bateman impegnato ad incarnare la recessione di Marty a mera e consapevole pedina, non solo del cartello, ma anche dell’ambiziosa e crudele moglie.

La più brava, il che in mezzo a cotanti mostri è tutto dire, è però sempre la Garner, al solito nei panni e nell’accento red neck di Ruth, qui definitivo simbolo dell’impossibilità di redenzione e salvezza.
Molto buone anche tutte le nuove aggiunte, dall’infaticabile PI Mel Sattem al viscido padre di Wendy, che riescono a tenere testa a fenomenali comprimari quali Jim con le sue meravigliose giacche e l’infallibile sicario Nelson.

Paese: Stati Uniti d'America
Anno: 2017-2022
Stagioni: 4
Episodi: 44
Durata: 51-60 minuti circa
Lingua originale: inglese
Ideatore: Bill Dubuque, Mark Williams

Interpreti e personaggi

Jason Bateman: Marty Byrde
Laura Linney: Wendy Byrde
Sofia Hublitz: Charlotte Byrde
Skylar Gaertner: Jonah Byrde
Julia Garner: Ruth Langmore
Jordana Spiro: Rachel Garris

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

1899

Dopo le prime puntate in cui questa nuova serie dai malatissimi creatori di “Dark” accumula misteri su misteri, uno si aspetta ...

El Inmortal

Fa piacere vedere che qualche volta il cinema recente, o in questo caso, la serialità recente di casa nostra possa influenzare ...

Clerks 3

Era il 2006 quando usciva “Clerks 2”. 16 anni dopo ecco che Kevin Smith ci riporta nelle vite di Dante e Randal e, diciamocelo ...

The Crown (Stagione 5)

In un anno particolarmente doloroso per la famiglia reale inglese, ecco che arriva la mazzata finale. A due mesi esatti dalla dipartita di ...

Inside Man

Un giocattolone, se la si prende così la nuova mini serie di Steven Moffat, la mente dietro “Scherlock” e tanti altri successi ...

Recent Comments