EDWARD SHARPE AND THE MAGNETIC ZEROS
Here

 
 
27 Agosto 2012
 

E’ davvero facile innamorarsi di Edward Sharpe e dei suoi Magnetic Zeros quando dopo l’esuberante debutto di “Up from Below” si  suona un brano come “Man on Fire”. E’ l’apertura ideale per una band che ha colpito il segno distaccandosi da qualsiasi trend contemporaneo per tessere strettissimi legami con un passato folk/hippie. Ancora più facile lasciarsi trasportare dal successivo “That’s What’s up”, testa d’ariete del disco come lo fu “Home” ai tempi dell’esordio. Purtroppo sono proprio la calda malinconia, l’atmosfera da scorazzata extra-urbana ed inevitabilmente la costruzione del personaggio Sharpe a segnare il limite più evidente di questo secondo lavoro che si arena quasi immediatamente dopo l’apparente gradevole sorpresa.

Probabilmente la band californiana capitanata da Alex Ebert si è presa un po’ troppo sul serio nella rievocazione in costume dei tempi andati. Lo stesso Ebert avrà preso forse troppo sul serio l’idea di essere la reincarnazione di Gesù Cristo, perché come pare evidente dalla terza traccia in poi il materiale musicale, nonostante la buona esecuzione, si frantuma in una serie imprecisata di momenti “revival” nel solco della tradizione parrocchiale folk. “I don’t wanna pray” è un brano gradevole il cui testo preannuncia il mood generale del disco “I love my God, God made Love” e cede -non a caso- il passo a “Mayla” quasi un inno da messa domenicale in Louisiana. Inequivocabile anche “Dear Believer” seppure piacevole all’orecchio nel crescendo strumentale carico di tensione emotiva tanto caro alla band. E mentre “Fiya Wata” si proietta su atmosfere soul, “One love to Another” tenta addirittura la riesumazione del defunto Bob Marley prima che il tutto sia stemperato dalle tenui note di “All Wash Out”.

“Here” è un insieme di brani ben suonati, ben arrangiati e assolutamente deliziosi se presi singolarmente. E’ purtroppo il concept dell’album che si affloscia su se stesso risultando piatto e ripetitivo dopo un primo ascolto. Se Sharpe e soci vorranno definirsi ancora “magnetici” nel prossimo futuro dovranno offire meno sermoni e più sano intrattenimento. Con buona pace dei fan della parrocchia.

  • Website
  • BUY HERE
Here
[ Dead Oceans – 2012 ]
Similar Artist: Fleet Foxes, Fanfarlo, Dr. Dog, Bowerbirds
Rating:
1. Man On Fire
2. That’s What’s Up
3. I Don’t Wanna Pray
4. Mayla
5. Dear Believer
6. Child
7. One Love To Another
8. Fiya Wata
9. All Wash Out
Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments