PROTOMARTYR
Ultimate Success Today

[ Domino - 2020 ]
8.5
 
 
20 Luglio 2020
 

I Protomartyr sono tornati dopo tre anni da “Relative In Descent” a cui è seguito l’EP “Consolation”, realizzato nel 2018: la band post-punk di Detroit, che abbiamo visto un paio di volte qui in Italia proprio nel corso del 2018, ha registrato questo suo quinto full-length (in dieci anni) ai suggestivi Dreamland Recording Studios in upstate New York, una vecchia chiesa del diciannovesimo secolo trasformata in studio di registrazione.

A supportarli c’era il produttore David Tolomei (Dirty Projectors, Beach House), ma la novità più intrigante riguarda i numerosi ospiti presenti sul disco, che hanno portato fiati e archi all’interno della musica del gruppo statunitense.

“Day Without End” apre il disco e subito ci fa capire che qualcosa è cambiato: se le percussioni di Alex Leonard sono precise e insistenti, i vocals di Joe Casey si scaldano pian piano, passando da una relativa tranquillità a una feroce aggressività, mentre fa la sua apparizione un sax – decisamente inaspettato e sperimentale – che devia le sonorità e aggiunge un tocco di eleganza al suono cupo e comunque arrabbiato del gruppo del Michigan.

Tutta la violenza punk incazzata arriva invece con “I Am You Now”, dove la chitarra rabbiosa di Greg Ahee scatena la sua pesante elettricità, ma la successiva “The Aphorist” cambia ancora il tono con una sei corde dai toni gentili (come la voce di Joe) e un ritmo quasi sempre basso, lasciando spazio solo per uno breve attimo all’adrenalina.

Ci si sposta su territori noise-rock in “Tranquilizer”, in cui il basso di Scott Davidson domina sulla voce di Casey, accompagnato da un sax che mina le nostre certezze, aggiungendo invece influenze jazz.

“Modern Business Hymns” poi – a sorpresa – lascia intravedere un minimo di apertura “pop” (permetteteci il termine) con una melodia che definire catchy non sembra un reato, pur rimanendo piuttosto bui sia i temi che i colori.

Anche “Ultimate Success Today”, così come i suoi predecessori, è un lavoro solido e di ottima qualità e mostra come i Protomartyr abbiano cercato e voluto evolversi, aggiungendo senza paura nuovi elementi e toni al loro suono. Effettivamente, come ci ha detto Casey pochi giorni fa durante la nostra intervista, cinque album in dieci anni sono una buona media, soprattutto quando il livello dei suddetti LP è così elevato. La nostra speranza é che il futuro della band di Detroit continui a riservarci altri episodi di buon valore come questo.

Photo Credit: Trevor Naud

Tracklist
1. Day Without End
2. Processed By The Boys
3. I Am You Now
4. The Aphorist
5. June 21
6. Michigan Hammers
7. Tranquilizer
8. Modern Business Hymns
9. Bridge & Crown
10. Worm In Heaven
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments