THE ANCHORESS
The Art Of Losing

[ Kscope -2021 ]
7.5
 
Genere: alternative rock, songwriting, pop
 
29 Marzo 2021
 

Catherine Anne Davies, aka The Anchoress, torna dopo i riconoscimenti ottenuti nel 2016 con “Confessions Of A Romance Novelist”.

Polistrumentista e autrice raffinata, per questo nuovo album fa tutto da sola, occupandosi anche della produzione, e riesce a confermare tutte le qualità che aveva già dimostrato nel suo precedente lavoro.

Il risultato è un insieme di brani che denotano cura e precisione, anche negli arrangiamenti, che al primo ascolto possono sembrare freddi ma che crescono ascolto dopo ascolto, fino a farsi lodare e a far apprezzare un’artista tecnicamente sicura di sé, ispirata ed elegante, dotata vocalmente e che spesso evita la melodia facile .

Il mio primo ascolto aveva trovato un difetto proprio in questa perfezione, che pagava un dazio all’emotività e all’empatia, soprattutto vocalmente mi sembrava lontana dalla possibilità di trasmettere emozioni, nonostante i temi trattati.

Ho preferito dedicargli un lungo ascolto e in ultima analisi ho concluso che il difetto interpretativo che mi disturbava era solo il classico pelo nell’uovo, e che, indubbiamente, bisogna riconoscere a Catherine Anne Davies tutti i meriti per essere riuscita a infilare, uno dopo l’altro, una serie di pezzi notevoli.

A impreziosire il tutto ci sono le partecipazioni di artisti importanti come quella di James Dean Bradfield dei Manic Street Preachers, che suona la chitarra in “Show Your Face” e duetta con Catherine Anne Davies in “The Exchange”, entrambi usciti come singoli, e quella con Sterling Campbell, componente dei Duran Duran e batterista per Tina Turner, Rufus Wainwright David Bowie.

L’artista è stata spesso paragonata a Kate Bush e Tori Amos, anche se in alcuni brani mi sembra più vicina ad Amy Lynn Lee Hartzler (Evanescence) anche lei cantautrice, compositrice e polistrumentista.

Ad oggi sono stati rilasciati cinque singoli accompagnati da altrettanti video, oltre i due appena citati anche “Unravel”, la title track “The Art of Losing”, il brano che mi è piaciuto di meno, e “5AM”.

In particolare “5AM” è una ballata al piano musicalmente leggera nel quale affronta il pesante tema degli  abusi domestici, delle aggressioni sessuali e della perdita di un bambino, tutto  in un unico brano direi musicalmente riuscito, pur nella sua ripetitività.

I motivi di interesse non si imitano solo ai singoli ma ci sono diversi pezzi meritevoli: “All Farewells Should Be Sudden” che ricorda le sonorità del primo album ed affronta la morte e il dolore della perdita, Catherine ha vissuto in poco tempo eventi tragici come la perdita del padre e del figlio che aspettava, “My Confessor” che sistemato in qualche passaggio poteva benissimo essere utilizzato per la colonna sonora del prossimo film di James Bond, e che soprattutto denota che quando Catherine Anne Davies si lascia andare, limitando l’editing, il risultato emotivo ci guadagna.

Questo album migliora dopo ogni ascolto, Catherine Anne Davies mette in campo talento e competenza e ancora una volta non delude.

Credit Foto: Annick Wolfers

Tracklist
1. Moon Rise (Prelude)
2. Let It Hurt
3. The Exchange (ft. James Dean Bradfield)
4. Show Your Face
5. The Art of Losing
6. All Farewells Should Be Sudden
7. All Shall Be Well
8. Unravel
9. Paris
10. 5AM
11. The Heart Is a Lonesome Hunter
12. My Confessor
13. With the Boys
14. Moon (An End)
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments