MONO IN VCF
S/T

 
 
7 Marzo 2008
 

[ratings]

Per alcuni la sensualità non si trova in un godereccio pezzo hard rock o in un brano latineggiante, ma piuttosto in musiche oscure ed eleganti. Non è il movimento pelvico e la susseguente cascata di sudore, non è un ritmo febbrile e l’edonismo sfrenato.

Dopo l’ep del 2005, in cui trovavamo il cantante Charles Perales, sostituito in seguito dalla fascinosa chanteuse Kim Miller (sorta di Veronica Ciccone delle tenebre) ecco l’esordio sulla lunga distanza dei Mono In VCF, piacevolmente funestato da musiche languide (arricchite da una buona dose di psichedelia) adatte ad ambientazioni noir. Non nascondono le loro passioni gli americani, che affermano di adorare Robert Moog e Phil Spector, Ennio Morricone e John Barry, così come i Beatles. E allora che entrino in scena romantici accompagnamenti orchestrali, insieme agli spettri di Dusty Springfield e Lee Hazelwood, imprigionati nel freddo cemento urbano, gabbia che comprime un cuore martoriato da cui sgorga la voce profonda della sacerdotessa Miller.

Ma i Mono In VCF suonano comunque modernissimi, a parte un certo gusto innegabilmente retrò. “Masha” è uno dei pezzi squisitamente pop più emozionanti e riusciti che mi sia capitato di ascoltare negli ultimi tempi, una ninna nanna sofferta e caliginosa avvolta da uno stropicciato velluto soul-lounge. Le filmiche (ma questo è un western!) “Death of a Spark” e “Cinch Ring” mostrano una band abile a destreggiarsi tra spleen esistenziale ed atmosfere scoperecce. Ma la più sexy e dannata delle tracce è “The Only One”, con la sua cadenza Portishead, le sue oppiacee note da carillon stregato e i suoi svenevoli archi.

Poco male se al centro dell’album troviamo “There’s No Blood in Bone”, inopportuna e convenzionale traccia disco che, anche se contiene una prova vocale perfetta, stona con tutto il resto.

Band Site
MySpace
Mono In VCF [ autoprodotto – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Ennio Morricone, Beatles, Portishead
Rating:
1. Escape City Scrapers
2. Spider Rotation
3. Masha
4. Key To The House
5. In Los Angeles
6. There’s No Blood in Bone

7. Chantelse
8. Death of a Spark
9. Only One
10. Cinch Ring
11. We Could’ve Owned The World
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...