PHANTOM BUFFALO
Cement Postcard With Owl Colours

 
Tags:
 
20 luglio 2011
 

Lo ammetto: non ho mai amato particolarmente l’indie-pop, tolti alcuni rarissimi casi come Yo La Tengo o Grandaddy, per cui spesso già dalla prima traccia un disco può facilmente indispormi. Ma per fortuna non è il caso dei Phantom Buffalo.

Un cd, questo “Cement Postcard With Owl Colours” che può beneficiare di una freschezza sorprendente. Una commistione tra indie, folk e pop che genera dodici tracce godibilissime e che non nasconde le influenze, dai Beatles fino ai The Byrds, passando per The New Pornographers e i già citati Grandaddy, ma le sa ‘miscelare’, ognuna nella giusta misura.

Qui andrebbe aperto un capitolo a parte, perché il progetto Phantom Buffalo sa insegnare come essere diretti e semplici in alcune trame ritmiche, senza mai cadere nell’ovvietà e nella banalità, e dimostra di saper stupire e coinvolgere senza annoiare con arrangiamenti barocchi o cori inutili e tedianti. Se lo giudicate poca cosa dovreste trovarvi ad ascoltare settimanalmente(come il sottoscritto, ahimè) lavori di gruppi che fanno della noia la loro arte migliore e sembrano quasi farsene vanto o scudo verso le eventuali critiche.

Questo nuovo album della band statunitense inanella tra l’altro tre o quattro perle che sarebbe assolutamente un peccato non citare: “Listen to Leaves” (che apre il cd) ha nella giusta alchimia di vuoti e pieni la sua arma vincente, “I Bring the Sunshine and Nightmares” è una ballata dall’incedere folk che entra in testa e non esce più, “Battle of The Roses” è un grande singolo, ricco di cambi di ritmo e di arpeggi ipnotici,  “Goliath Tales” è l’ultima traccia ed è la perfetta chiusura con venature un po’ più dark per un lavoro che merita sicuramente ulteriori ascolti per essere goduto appieno.

Cement Postcard With Owl Colours
[ Microcultures – 2011 ]
Similar Artist: Beatles, Grandaddy, The Byrds, The New Pornographers
Rating:
1. Listen To The Leaves
2. Greenstar Botanical Airway
3. Bad Disease
4. Weather The Weather
5. Atleesta
6. I Bring The Sunshine And Nightmares
7. Ray Bradbury’s Bones
8. Trinket Shop
9. Frogman
10. Battle Of The Roses
11. Radio Signal
12. Goliath Tales

Ascolta “Battle Of The Roses”

Tracklist
 
  • http://www.deromantico.com -mIRKo-

    davvero un grande album..melodie e arrangiamenti raffinati eppure semplici..”Battle of the roses” uno dei singoli dell’anno per me.

 

Weaves – Weaves

Indicati dai più come una delle bands to watch e con un viatico di lusinghiere…

Band Of Horses – Why Are You ...

A dieci anni esatti da quel piccolo capolavoro che fu “Everything All The Time”, i…

The Temper Trap – Thick As ...

C’era una volta il rock da stadio. Quello il cui regno parla la lingua dei…

Richard Ashcroft – These ...

Occhiali scuri come il volto, chitarra e una strana maschera antigas sul collo. Cosi si…

ANOHNI – Hopelessness

Sono album come questi che rendono veramente arduo il compito di un recensore. Quando la…