BE FOREST
Earthbeat

 
Tags: ,
 
9 Aprile 2014
 

Be Forest - Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.

Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata e indefinita. Lì, immobile, indifferente delle vite umane che brulicano nel vicino formicaio di cemento e asfalto. Slow-motion in attesa della transizione.
Flashback. Pesaro, inverno 2011. Qui prendeva forma “Cold”. Amalgama asettica di post-punk e shoegaze. Grigio. Tenebre. Non poteva essere altrimenti, non poteva succedere altrove, non poteva accadere in un altro adesso.
Fast forward. 2014. “Earthbeat”. I Be Forest che ritornano. Nel frattempo nuove sfumature si aggiungono al trio originale (Nicola Lampredi, Erica Terenzi e Costanza Delle Rose): la trama si arricchisce delle manopole manovrate da Lorenzo Badioli.

“Earthbeat”, dicevamo. Apre le danze “Totem”: è un rito ancestrale. Lunghe ombre proiettate da fuochi pallidi si agitano nell’oscurità, rievocano le pulsazioni primordiali della Madre Terra. Primitivismo onirico. La voce di Costanza si dissolve tra le trame eteree e circolari di “Captured Heart”. Si procede per sottrazione, si attraversano algidi territori 4AD. Riverberi e delay riempiono gli spazi. Misticismi orientalizzanti pervadono l’enigmatica “Ghost Dance”. Uno sguardo ai tempi passati (“Airwaves”) e uno scampolo di alba che filtra attraverso le fronde della strumentale “Totem II”. La chitarra liquida di “Colours” fa da controcanto ad una sezione ritmica ipnotica, reiterata. Lo squarcio si fa più ampio: un raggio di sole scalda la superficie e illumina le profondità. E la suadente evanescenza della conclusiva “Hideway” apre verso la luce del giorno e la fine dell’inverno. Il rituale è al termine, il fuoco è ormai cenere.
Nove episodi seducenti e surreali: “Earthbeat” restituisce l’immagine di una band matura, degna della ribalta internazionale. L’inverno è passato. È l’alba. Slow-motion. Il mare si tinge di nuove sfumature. Dissolvenza. Titoli di coda.

Cover Album

  • Website
Earthbeat
[ We Were Never Being Boring – 2014]
Genere: post-punk, shoegaze, dream-pop, chillwave
Rating:
1. Totem
2. Captured Heart
3. Lost Boy
4. Ghost Dance
5. Airwaves
6. Totem II
7. Colours
8. Sparkle
9. Hideway

Tracklist
 
 

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...

Kurt Vile – (watch my moves)

Ultimo lavoro del magico Kurt Vile e primo con la prestigiosa etichetta discografica Verve Records, (watch my moves) vanta una fibra cosmica ...

Dubstar – Two

C’erano una volta i Dubstar di Steve Hillier, Chis Wilkie e Sarah Blackwood, un trio capace di muoversi abilmente tra dream pop, dance ...

Toro y Moi – Mahal

E’ una vera forza della natura Chaz Bear / Toro y Moi e in “Mahal”, nuovo disco pubblicato su Dead Oceans dopo anni passati ad ...

King Gizzard & the Lizard ...

Sembrano non conoscere il significato della parola riposo questi sei australiani, giunti ormai al ventesimo album in una carriera poco più ...