BE FOREST
Earthbeat

 
Tags: ,
 
9 Aprile 2014
 

Be Forest - Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.

Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata e indefinita. Lì, immobile, indifferente delle vite umane che brulicano nel vicino formicaio di cemento e asfalto. Slow-motion in attesa della transizione.
Flashback. Pesaro, inverno 2011. Qui prendeva forma “Cold”. Amalgama asettica di post-punk e shoegaze. Grigio. Tenebre. Non poteva essere altrimenti, non poteva succedere altrove, non poteva accadere in un altro adesso.
Fast forward. 2014. “Earthbeat”. I Be Forest che ritornano. Nel frattempo nuove sfumature si aggiungono al trio originale (Nicola Lampredi, Erica Terenzi e Costanza Delle Rose): la trama si arricchisce delle manopole manovrate da Lorenzo Badioli.

“Earthbeat”, dicevamo. Apre le danze “Totem”: è un rito ancestrale. Lunghe ombre proiettate da fuochi pallidi si agitano nell’oscurità, rievocano le pulsazioni primordiali della Madre Terra. Primitivismo onirico. La voce di Costanza si dissolve tra le trame eteree e circolari di “Captured Heart”. Si procede per sottrazione, si attraversano algidi territori 4AD. Riverberi e delay riempiono gli spazi. Misticismi orientalizzanti pervadono l’enigmatica “Ghost Dance”. Uno sguardo ai tempi passati (“Airwaves”) e uno scampolo di alba che filtra attraverso le fronde della strumentale “Totem II”. La chitarra liquida di “Colours” fa da controcanto ad una sezione ritmica ipnotica, reiterata. Lo squarcio si fa più ampio: un raggio di sole scalda la superficie e illumina le profondità. E la suadente evanescenza della conclusiva “Hideway” apre verso la luce del giorno e la fine dell’inverno. Il rituale è al termine, il fuoco è ormai cenere.
Nove episodi seducenti e surreali: “Earthbeat” restituisce l’immagine di una band matura, degna della ribalta internazionale. L’inverno è passato. È l’alba. Slow-motion. Il mare si tinge di nuove sfumature. Dissolvenza. Titoli di coda.

Cover Album

  • Website
Earthbeat
[ We Were Never Being Boring – 2014]
Genere: post-punk, shoegaze, dream-pop, chillwave
Rating:
1. Totem
2. Captured Heart
3. Lost Boy
4. Ghost Dance
5. Airwaves
6. Totem II
7. Colours
8. Sparkle
9. Hideway

Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments