OGGI, 16 DICEMBRE DI VENTICINQUE ANNI FA, USCIVA “INTERVISTA COL VAMPIRO”

 
 
16 Dicembre 2019
 

 

Il fascino assoluto della notte, la bellezza ambigua, il mistero, la magia, l’orrore che sfiora lo splatter; sono gli ingredienti e nemmeno tutti, che hanno cristallizzato “Intervista col Vampiro” nella nostra mente. Dopo venticinque anni, il film di Neil Jordan tratto dal romanzo omonimo di Anne Rice irretisce e cattura senza pause facendoci provare il sottile piacere di immedesimarci, a seconda dell’umore o della fascinazione del momento, nell’insensibile e impietoso Lestat o nel tormentato e magnetico Louis interpretati rispettivamente da uno strano biondo, ma carismatico Tom Cruise e dall’algido Brad Pitt perfetto nel suo personaggio. “Intervista col vampiro” ci accompagna attraverso i duecento anni dannati della vita di Louis de Pointe du Lac, diventato vampiro per disperazione, ma sempre in bilico tra l’umano e la bestia senza cuore. Louis non cede liberamente agli istinti più nefandi e tenta di aggrapparsi costantemente al tepore della vita umana rifiutando di uccidere e preferendo cibarsi di sangue animale.
Il male è un punto di vista. Dio uccide indiscriminatamente, e così faremo noi; perché nessuna creatura di Dio è come noi; nessuno è simile a lui, quanto noi” gli dice Lestat, da perfetto mentore ormai disilluso e privo di qualsiasi moralità, a suo agio nell’essere un non morto, un inesistente senza cuore. Soffriamo con Louis, siamo con lui alla ricerca di un senso in una esistenza eterna che condanna ad essere per sempre soli e reietti pur restando giovani e bellissimi.

Sono di carne e sangue, ma non sono umano. Non sono più umano da duecento anni” dichiara Louis a Daniel Molloy (un buon Christian Slater peculiare nella sua parte di comprimario) il giornalista che lo intervista incredulo. Durante la narrazione apprezziamo l’ottimo lavoro scenografico e fotografico che rendono tutto gotico e oscuro sopratutto nella seconda parte del film quando Louis e la piccola e inquietante Claudia/Kirsten Dunst vanno a Parigi per trovare pace, ma si imbattono nel vampiro più antico del mondo, un ambiguo e viscido Antonio Banderas. Armand e Lous si attraggono, si desiderano l’un l’altro non solo come mentore e allievo, anelano ad una vita di onnipotenza forse felice di certo priva di qualsiasi conforto sentimentale e spirituale. Ed ecco che il film diventa oppressivo, sinistro, al limite del gore e la scena della morte di Claudia e Medeleine è terribile e morbosa, quasi sadica, ma necessaria per gettare ulteriore ombra sul destino del solitario Louis che dopo essersi allontanato da Lestat e non avendo trovato quello che credeva in Armand, si rassegna a vivere in solitudine l’eternità.

Neil Jordan non perde mai di vista l’assoluto protagonista e non c’è scena che non sia riempita dal viso perfetto di Brad Pitt; persino Tom Cruise in certi punti ne è oscurato. Splendide poi le citazioni cinematografiche quando Louis va al cinema affascinato da questa moderna meraviglia; in un fotogramma appare anche il Conte Orlock nel Nosferatu di Murnau a unire idealmente i due vampiri. Salta l’occhio l’orribile non morto espressionista controbilanciato dall’efebica e inafferrabile bellezza dei succhiasangue della Rice. Perchè questo anche vuol comunicare il film (e il romanzo, ovviamente) una bellezza pura, ideale, assoluta e ambigua, androgina e omosessuale dove non esiste vergogna nel palese erotismo tra Lestat e Louis e dove le donne (le prostitute di New Orleans, Yvette la cameriera di Louis per esempio) non sono nient’altro che prede sanguinanti, semplice cibo senza nessuna attrattiva fisica per i due bellissimi predatori.

Titolo originale: Interview with the Vampire: The Vampire Chronicles
Lingua originale: Inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 1994
Durata: 118 min
Genere: orrore, drammatico
Regi: Neil Jordan
Soggetto: Anne Rice (omonimo romanzo)
Sceneggiatura: Anne Rice
Produttore: Stephen Woolley e David Geffen
Fotografia: Philippe Rousselot
Montaggio: Mick Audsley
Effetti speciali: Stan Winston
Musiche: Elliot Goldenthal
Scenografia: Dante Ferretti
Trucco: Stan Winston

Interpreti e personaggi

Tom Cruise: Lestat de Lioncourt
Brad Pitt: Louis de Pointe du Lac
Christian Slater: Daniel Molloy, il giornalista
Kirsten Dunst: Claudia
Antonio Banderas: Armand
Stephen Rea: Santiago
Domiziana Giordano: Madeleine
Thandie Newton: Yvette
Sarah Stockbridge: Estelle
Indra Ové: prostituta di New Orleans
Helen McCrory: prostituta
John McConnell: scommettitore
Bellina Logan: cameriera della taverna
Lyla Hay Owen: vedova St. Claire
Lee E. Scharfstein: amante della vedova St. Claire
Roger Lloyd Pack: maestro di pianoforte
Marcel Iureș: vampiro della cripta di Parigi
 

Eurovision Song Contest: The Story ...

Un film con Will Ferrel sull’Eurovision Song Contest: già messa così la faccenda basterebbe a scremare chi debba guardarlo e chi no. ...

Tutti pazzi a Tel Aviv (Tel Aviv on ...

“Tel Aviv On Fire”, in italiano terribilmente titolato “Tutti pazzi a Tel Aviv”, non sia mai che qualcuno ne ...

After Life (2^ stagione)

Continua il duro percorso di riadattamento alla vita quotidiana del burbero Tony, al quale un cancro ha strappato la dolce moglie e la ...

Gli Uomini D’oro

Un napoletano tifoso del Napoli, un torinese tifoso del Toro e un lucano tifoso della Juventus mettono insieme le forze per rapinare un ...

Un affare di famiglia

A partire dal trionfo a Cannes fino a quello agli Oscar, si è fatto un gran parlare (meritatamente) di “Parasite”. Un film non ...