JIM JAMES
Regions Of Light And Sound Of God

 
 
11 Febbraio 2013
 
Jim James

“Regions of light and sound of God” è un viaggio nello spazio. E si sa, nello spazio c’è di tutto.
A qualcuno piace sognare e farsi viaggi in mondi che non esistono, e non serve assumere droghe. Poi se questo qualcuno si mette a comporre, ne escono fuori melodie eteree, leggermente tristi e, appunto, spaziali. Il che sarebbe molto bello se facessi musica ambient o comunque non facessi parte anche di gruppi di una certa reputazione a livello mondiale. Sto scherzando ovviamente.

Jim James è al primo album da solista, ispirato da un libro intitolato “God’s Man”, da cui è stato folgorato e per il quale ha tentato di scrivere una pseudo colonna sonora. “Regions of light and sound of God” ha un suo per che, in fondo, ed è abbastanza concettuale. Un incipit (“State Of The Art (A.E.I.O.U”) che ti fa restare imbambolato come davanti ad un miraggio nella calura del deserto: un brano lento in climax che ti fa venire voglia di sapere se l’oasi non è solo un miraggio. Un momento: non ci sono oasi nello spazio…I followed all the wrong dreams.

E da qui in poi cominciano le sperimentazioni deliranti che non hanno niente a che vedere con la struttura canzone dominante, che non si discosta poi più di tanto dallo standard del suo passato. Certo, i My Morning Jacket sono ben altra cosa, indescrivibili, non incasellabili in generi facilmente riconoscibili. Jim ha un animo psichedelico, ma non ne sfrutta tutte le potenzialità, ed è costretto a campionare violini e beat sull’orlo dell’inutile per metà del disco. Per l’altra metà, quando tiene i piedi per terra e non cerca chissà quale pianeta della Via Lattea, sforna gioiellini come “Exploding” (best track, minimalista da far spavento, chitarra e archi, stile Nick Drake), opere filmiche come “Actress” (ho notato dopo il titolo, paragone non volontario), o ancora canzoni che nascono folk-pop e delirano verso la fine in vocalizzi alla Patrick Wolf (stiamo parlando della portentosa “A new life”).

Un disco corto ma intenso, a tratti importante, a tratti da cestinare. Facendo la media è un buon disco, perché c’è di tutto, perfino qualcosa di prog (senza esagerare). Consiglio spassionato: rimaniamo con i piedi per terra.
Punto epico dell’album: l’assolo di chitarra con effetto alla My Bloody Valentine (non fraintendetemi, SOLO l’effetto) all’interno di “Dear one”, brano che per il resto è Peter Gabriel.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Regions Of Light And Sound Of God
[ V2 – 2013 ]
Similar Artist: Genesis, My Morning Jacket
Rating:
1. State of the art (A.E.I.O.U)
2. Know til now
3. Dear one
4. A new life
5. Exploding
6. Of the mother again
7. Actress
8. All is forgiven
9. God’s love to deliver
Tracklist
 
 

William Patrick Corgan – ...

Arriva un po’ come un piccolo regalo a sorpresa questo “Cotillions”, terzo album solista di William Patrick Corgan (per gli amici ...

Upset – Upset

Nate nel 2013, le Upset sono un supergruppo formato da Ali Koehler (Vivian Girls, Best Coast), Patty Schemel (Hole, Death Valley Girls), ...

Beck – Hyperspace

Se c’è una cosa che ho sempre fatto  è fiondarmi su ogni nuova uscita di Beck, anche se ad essere sincero negli anni sono finito ...

The Shivas – Dark Thoughts

Tre anni di attesa. Tre anni in cui i The Shivas non si sono presi la classica pausa per “cercare di capire dove siamo, cosa siamo, dove ...

Turnover – Altogether

Sono andato sul profilo Bandcamp dei Turnover per vedere se avessero pubblicato qualche specie di comunicato stampa per promuovere il nuovo ...