GOAT GIRL
On All Fours

[ Rough Trade - 2021 ]
7
 
Genere: Folk, acid dream pop
 
15 Febbraio 2021
 

Le Goat Girl(s) from South London tornano con il loro sophomore album dopo l’eccellente esordio del 2018.
Il nuovo lavoro s’intitola “On All Fours” e viene registrato immediatamente prima dell’esplosione della pandemia da Covid-19. L’apripista “Pest” è dunque un infausto presagio che ad anteriori racconta l’isolamento e la distruzione.

“On All Fours” è un album più sommesso rispetto al dirompente esordio. Le sonorità spaziano dal folk al post punk, incontrando spesso synth e atmosfere dream pop, il tutto attraversato da una psichedelia sottile sottile.
Il sound è aspro e le liriche rispecchiano questa caratteristica andando a toccare alcuni nervi esposti della società umana contemporanea.
La furia del primo album è qui più controllata. La rabbia si sente e si percepisce tutta, ma le Goat Girl hanno voluto dosare e cercare di incanalare il disagio verso riflessioni speculative che andassero a setacciare il nodo del problema che volevano porre all’ascoltatore. Brani come “Anxiety Feels” sono molto riflessivi e personali; altri come -casualmente- il diretto successivo “They Bite On You” assolutamente famelici e universali.

Le giovani quattro ragazze londinesi incarnano l’impegno politico e sociale proprio dei progressisti radicali, in questo nuovo lavoro ampliano la gamma argomentativa e mostrano un’allargata scala cromatica nella propria musica.

Crisi climatica, futuro incerto (e probabilmente terribile), ansia, solitudine, identità di genere, diversità: queste sono le carte in gioco posate sul tavolo dalle Goat Girl. Più che carte sono pensieri, sensazioni e valori, e più che un tavolo da gioco, qui stiamo danzando sopra un palcoscenico vuoto e freddo. Qualcuno ci sentirà?

Noi sicuramente sì. E a proposito di sentire… il brano “Sad Cowboy”, primo singolo anticipatore del disco, è un pezzo davvero figo.

Le Goat Girl sono tornate e se non le conoscevi ancora ti conviene rimediare. Un mondo folk e pieno di groove ti attende da queste parti, ma se coltivi ancora dei pregiudizi, potresti farti molto male.

“On All Fours” è uscito il 29 gennaio per Rough Trade e chiude davvero benissimo, musicalmente parlando, il primo gelido mese del 2021.

Tracklist
1. Pest
2. Badibaba
3. Jazz (In The Supermarket)
4. Once Again
5. P.T.S.Tea
6. Sad Cowboy
7. The Crack
8. Closing In
9. Anxiety Feels
10. They Bite On You
11. Bang
12. Where Do We Go From Here?
13. A-Men
 
 

Paul Leary – Born Stupid

Per non lasciarci travolgere dalla tristezza in questi tempi maledetti abbiamo bisogno di musica folle, assurda e soprattutto divertente. E ...

Dieci – Vitamine

Esordio in solitaria per Roberto Grosso Sategna in arte Dieci, membro dal 2011 di quei Drink To Me che capeggiati da Marco Jacopo Bianchi ...

Venerus – Magica Musica

Nonostante “Magica Musica” sia l’effettivo debut album di Venerus, il nome di questo polistrumentista milanese non è ...

Le Zampe di Zoe – Casa

Cinque brani, cinque atti per raccontare la realtà, talvolta cruda, ingiusta, ma con un profondo romanticismo da rendere “Casa” de Le ...

Nick Cave & Warren Ellis ...

La notizia del nuovo album di Nick Cave è arrivata qualche mese fa tra le righe dei suoi “Red Hand Files”, umanissima newsletter in cui ...