EMPIRE OF LIGHT

Regia di Sam Mendes, 2022
 
Genere: Drammatico
 
14 Dicembre 2022
 

Sam Mendes è noto al grande pubblico come il regista che ha finalmente dato un degno posto nella cinematografia a James Bond (“Skyfall” e “Spectre”), ai film di guerra (“1917” tutto in piano sequenza) o al cinema fine anni ’90 con “American Beauty” con Kevin Spacey. Da un regista del genere non ci si può aspettare quindi che capolavori, lungometraggi però di grande eco che attraggono persone che vogliono vedere un bel film, ma che non sopporterebbero solo dialoghi ed inquadrature. Insomma, un pubblico d’azione. Vi farà piacere sapere che proprio questo regista, nel 2023, ci darà il film dell’anno: “Empire Of Light”.

Visto in anteprima, questo capolavoro cinematografico è un grande omaggio al cinema in generale, alle macchine da presa a pellicola, alle sale, alle persone che lavorano all’interno, alla luce, al buio, all’amicizia e alla caducità della vita quando le cose sembrano diventare solo complicate.

La storia racconta la vita di una responsabile di una sala cinematografica in un paesino marittimo inglese, interpretata dalla superba Olivia Colman, e di tutto il team che lavora all’interno tra cui il proprietario Colin Firth, il macchinista addetto alle proiezioni Toby Jones e il nuovo assunto Michael Ward. Le premesse possono sembrare noiose, il film dopotutto non è movimentato se non in alcune scene particolari d’alta tensione emotiva, eppure con queste premesse Sam Mendes riesce a districare vari livelli narrativi partendo proprio dall’Empire, il cinema un po’ decadente di città.

Proprio per questo incontreremo nel percorso le proteste neo-naziste e di matrice bianca verso la sempre più forte immigrazione di persone di colore, tematiche quali la salute mentale e il bipolarismo o, in maniera generale a cornice del tutto, il cinema nelle sue più sottili e delicate accezioni. Sembra un grande melting pot di tematiche che poco riescono a cozzare tra di loro, quando in verità riescono a legarsi perfettamente l’una alle altre. La bravura proprio del regista sta nel riuscire ad incastrare tutti questi tempi per creare alla fine un prodotto che ben ti racconta tante cose senza sembrare divisivo e banale.

Hilary, la protagonista, vive una vita triste e monotona a causa di una severa situazione mentale che la costringe ad una terapia di iodio che bene non le fa; Stephen, il nuovo arrivato, deve fare i conti con un paese che non lo accetta solo per il colore della pelle e che vede in Hilary una motivazione per andare avanti; Mr. Ellis, il direttore del cinema, sfrutta sessualmente Hilary poiché il suo matrimonio è in rovina o semplicemente per noia; il macchinista Norman, invece, è colui che rappresenta l’istituzione cinematografica e l’amore per i film attraverso le macchine, le pellicole, il fascio di luce che si crea quando inizia un film.

A rendere questo film un capolavoro di proporzioni cosmiche non è solo il grande omaggio che si vuole fare al mondo cinematografico, racchiuso in molte scene toccanti e di alto livello, ma anche l’amicizia che scaturisce da una relazione impossibile, e che ti riesce comunque a salvare e ad andare avanti nel tuo percorso di vita, o l’affermarsi di un singolo individuo in un mondo che non è ancora pronto ad accettarlo. Il tutto impacchettato e decorato con le bellissime musiche di Reznor e Ross.

Sam Mendes riesce a fare tutto questo (e anche di più) regalando un grande lungometraggio al suo pubblico, ai suoi colleghi, a chi ha fatto grande il cinema: insomma a tutti. E ci riesce raccontando le cose semplici che ci emozionano, che ci spaventano, che ci fanno incazzare o che semplicemente ci fanno stare male fisicamente e psicologicamente.

Non ho mai pianto per così tanta bellezza al cinema (e purtroppo anche dopo essere uscito dalla sala) e spero vivamente che quando uscirà nelle nostre sale, il 23 febbraio, possiate anche voi partecipare a questa esperienza catartica che non solo vi farà amare ancora di più il cinema, ma vi aprirà e migliorerà ancora di più come esseri umani.

Paese: Stati Uniti d'America, Regno Unito
Durata: 119 min
Lingua originale: inglese
Soggetto: Sam Mendes
Distribuzione in italiano: Walt Disney Studios Motion Pictures
Fotografia: Roger Deakins
Montaggio: Lee Smith
Musiche: Trent Reznor, Atticus Ross

Interpreti e personaggi

Olivia Colman: Hilary
Micheal Ward: Stephen
Toby Jones: Norman
Colin Firth: Mr. Ellis
Monica Dolan: Rosemary Bates
Sara Stewart: Brenda
Tom Brooke: Neil

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

La Vita Bugiarda Degli Adulti

Come sempre in casi come questo, è doverosa la premessa che non ho letto il libro della Ferrante dal quale è tratta questa serie. Allora, ...

The White Lotus – Stagione 2

Sebbene non si tratti proprio di una seconda stagione, perché “The White Lotus” è una serie antologica, la presenza di un ...

Babylon Berlin – Stagione 4

Il prodotto di punta di Sky Germania, nonché uno dei migliori assoluto della storia dell’emittente di Murdoch, arriva alla sua quarta ...

Glass Onion – A Knives Out ...

Mi sorprende leggerne così bene in giro, perchè io questo sequel l’ho trovato odioso. Mentre col primo ‘Knives Out’ ...

Fall

Le vertigini promesse dal film americano, le cui scene più impressionanti sono presto diventate un fenomeno su TikTok, ci sono tutte. Molte ...

Recent Comments