STEVE EARLE
Townes

 
 
13 Luglio 2009
 

Viviamo in un mondo in cui le mode volatili e le stelle comete sono all’ordine del giorno, nemmeno il tempo di finire una pinta di birra che tante di quelle cose ti passano sotto al naso e fuggono via. Non c’è tempo per mettersi comodi ed assaporarle come si dovrebbe. Lo so che la società consumistica non è stata inventata l’altro ieri, ma con la musica è sempre stato diverso. La canzoni si dovrebbero consumare e non accantonare nel volgere di poche settimane (e sono stato ottimista). Bisognerebbe inchiodare i dischi che ci piacciono al muro per non dimenticarcene, così affrettati a fagocitare qualsiasi cosa le nostre connessioni ad alta velocità ci mettono a portata di ipod.

Fortunatamente esiste il folk in tutte le sue sfumature, il fuoco lo accendiamo noi, mentre incidiamo i nostri nomi sulla corteccia di un pugno di belle parole. Così ha fatto Townes Van Zandt, musicista di culto della scena roots americana, morto nel 1997 per problemi di salute legati all’abuso di droghe. Una sporca storia di rock’n’roll che Sarebbe stato un delitto dimenticare, coprendone le canzoni con due dita di polvere e il fastidioso odore di muffa. Ci pensa Steve Earle a prendersene cura nel modo migliore, l’unico possibile: imbracciando la chitarra. Ci pensa lui che lo conobbe ancora diciassettenne e col quale inaugurò un legame forte. Townes il maestro, Earle il discepolo, più semplicemente due buoni amici.

Poche chiacchiere, questo probabilmente è il disco folk del 2009. Lasciate da parte tutti i fricchettoni che affollano le pagine delle riviste e le webzine in adulazion, in questi solchi vive tutta la purezza e la lucenteza di una musica eterna, perfetta sin dal suo concepimento, che non ha bisogno di reinventarsi per arrivare alle nostre orecchie. La commovente bellezza della semplicità di quattro accordi ed una voce rauca illumina la nostra notte d’estate, ubriaca di scinitille e di legno scoppiettante. Sventoliamo i nostri affanni emotivi come bandiere al vento, stropicciate e con qualche buco di troppo, ma ancora alte, vive sopra le nostre teste. Come queste canzoni, come Townes Van Zandt, che non c’è più da un tempo, ma è come se fosse proprio qui davanti a noi a sorriderci e rassicurarci con le sue vecchie storie di frontiera e cuori spezzati.

Cover Album

  • Band Site
  • MySpace
  • BUY HERE
Townes
[ New West Records – 2009 ]
Similar Artist: Townes Van Zandt, Bob Dylan, Woody Guthrie
Rating:
1. Pancho And Lefty
2. White Freightliner Blues
3. Colorado Girl
4. Where I Lead Me
5. Lungs
6. No Place To Fall
7. Loretta
8. Brand New Companion
9. Rake
10. Delta Momma Blues
11. Marie
12. Don t Take It Too Bad
13. Mr. Mudd and Mr. Gold
14. (Quicksilver Daydreams Of) Maria
15. To Live Is To Fly
Tracklist
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...