MAGAZINE
No Thyself

 
Tags:
 
di
13 gennaio 2012
 

Hello Mr.Curtis, hello Mr.Cobain … ho preso la decisione di morire come un re, come Elvis, in qualche cesso dimenticato da dio.

Ma l’uomo del sottosuolo è ancora vivo. Mr.Howard Devoto risale dai ritmi dostoevskijani dove l’autolesionismo esistenziale si lega con le corde elettriche per raccontare un nuovo capitolo dei Magazine. Riprende ogni taglio di cui è capace la sua scrittura. Vuole il sangue che cerca dal 1978. Rimanendo immobile sotto il cerone durante il playback di una puntata di Top Of The Pops mandò all’aria la fortuna del gruppo. Oggi i Magazine tornano con minor provocazione di un tempo. Ma “No Thyself” contiene sempre l’eco del Bowie berlinese a cui Devoto s’ispira sin dai tempi dell’eyeliner. La musica si muove tra raffinati accenni prog dove riff si tingono con l’oscurità dei corpi di “Other Thematic Material” e con le storiche tastiere di Dave Formula.

Ombre cupe si avvolgono sul “Final Analysis Waltz” in cui danza la creatività di un gruppo che dopo trent’anni si conferma tra i migliori compositori. Manierismi che possono piacere o meno, ma che sono impeccabili. Pure se, alle soglie del 2012, la storica formazione post-punk avrebbe potuto condurre l’ascoltatore in una dimensione più sconcertante. Howard Devoto è il padre bestemmiatore del punk. Il cane sciolto che abbandona i Buzzcocks alla vigilia di “Spiral Scratch” perchè “punk è mandare affaculo il punk”. Avrebbe potuto ascoltare le parole della sua “Stuck”: “Fermati quando smetti di stupirmi”. Forse lo avrebbe fatto, se non fosse stato per Top Of The Pops.

No Thyself
[ Wire-sound – 2011 ]
Similar Artist: Vic Godard, David Bowie Rating:
1. Do The Meaning
2. Other Thematic Material
3. The Worst Of Progress…
4. Hello Mister Curtis (With Apologies)
5. Physics
6. Happening In English
7. Holy Dotage
8. Of Course Howard (1979)
9. Final Analysis Waltz
10. The Burden Of A Song
11. Blisterpack Blues*

*solo nell’edizione limitata in digipack




Ascolta “Final Analysis Waltz”

Tracklist
 
 

Weaves – Weaves

Indicati dai più come una delle bands to watch e con un viatico di lusinghiere…

Band Of Horses – Why Are You ...

A dieci anni esatti da quel piccolo capolavoro che fu “Everything All The Time”, i…

The Temper Trap – Thick As ...

C’era una volta il rock da stadio. Quello il cui regno parla la lingua dei…

Richard Ashcroft – These ...

Occhiali scuri come il volto, chitarra e una strana maschera antigas sul collo. Cosi si…

ANOHNI – Hopelessness

Sono album come questi che rendono veramente arduo il compito di un recensore. Quando la…